BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Interporto a Treviglio? Il sindaco: “Valuteremo con attenzione le proposte”

È attraverso un'interpellanza che i consiglieri di minoranza Erik Molteni e Cristina Ronchi hanno chiesto delucidazioni circa l'ipotesi che lo scalo merci che ha tanto acceso gli animi a Caravaggio venga ora ridisegnato sul territorio trevigliese

L’interporto sbarca in consiglio. È attraverso un’interpellanza che i consiglieri di minoranza Erik Molteni (Pd) e Cristina Ronchi (Molteni Sindaco) hanno chiesto delucidazioni circa l’ipotesi che lo scalo merci che ha tanto acceso gli animi a Caravaggio venga ora ridisegnato sul territorio trevigliese.

Stando ai rumors attualmente in circolo, l’area designata per la realizzazione dell’interporto in salsa trevigliese si troverebbe al confine con Vidalengo e interesserebbe una superficie di circa 200mila metri quadrati: un quarto, quindi, di quella inizialmente prevista per Caravaggio.

Il tema, per Treviglio, è ridondante e ha attraversato amministrazioni di colore diverso “senza che – come dichiarato il sindaco Juri Imeri – venisse mai messo in discussione”: dal 2004, anno in cui il piano territoriale di coordinamento provinciale è divenuto efficace, infatti, la delibera di approvazione da parte del consiglio provinciale è stata recepita nel Prg, e, di conseguenza, nel Pgt in quanto normativa prevalente.

“Sulla questione delle nuove infrastrutture programmate e che interessano Treviglio – ha proseguito – l’amministrazione assumerà un atteggiamento critico e di oggettiva valutazione delle proposte, senza posizioni aprioristiche. Per il collegamento diretto Bergamo-Treviglio, così come per l’eventuale realizzazione dell’interporto tra Caravaggio e Treviglio, è necessario almeno attendere il deposito di proposte progettuali valutabili, superando l’attuale fase di grande indeterminatezza che rende impossibile una ponderata decisione di merito”.

Nessun giudizio a priori, dunque, da parte del sindaco Imeri che, in attesa di progetti certi, ancora non si sbilancia: “non possiamo – ha dichiarato – sostenere che ciò che non va bene a Treviglio-Caravaggio vada automaticamente bene a Cortenuova (comune designato a ospitare lo scalo merci in alternativa a quello di Caravaggio). C’è da valutare tutto e sempre con rigore e consapevolezza di ogni possibile ricaduta di ciascuna scelta, ruolo che un’Amministrazione concreta e responsabile deve sapersi assumere. Mancano gli studi di supporto, i progetti e gli accordi. E se mancano per un’area identificata da almeno 12 anni (come quella di Treviglio e Caravaggio) tanto più sembrano mancare per un’alternativa uscita dal cilindro solo tre anni fa (come quella di Cortenuova)”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.