BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

La piattaforma e-commerce Kooomo continua la sua ascesa

Dopo la nomina Cool Vendors in Digital Commerce di Gartner è in atto la diffusione commerciale con Marketing Km zero. La start-up, fondata da Marco Rossi e Giorgio Ghisalberti, vanta oggi 11 dipendenti e 800 mila euro di fatturato (previsione 2016).

Il numero di e-shopper europei calcolati nel 2015 supera i 230 milioni di individui e persino la Commissione Europea punta sul digitale come leva di trasformazione economica e sociale, finanziando progetti che spingono le PMI verso il commercio on-line (Digital Growth 2014-2020).

Con 29 miliardi di euro fatturati in Italia per l’e-commerce nel 2015, una cosa è certa: il marketing digitale rappresenta oggi lo strumento più potente per penetrare tutti i mercati internazionali in maniera efficace e veloce. È questa consapevolezza a guidare Marketing km zero, web agency italiana che due anni fa ha scelto di specializzarsi nell’ottimizzazione dei siti per i motori di ricerca e nel web marketing.

La start-up, fondata da Marco Rossi e Giorgio Ghisalberti, vanta oggi 11 dipendenti e 800 mila euro di fatturato (previsione 2016).

Dopo essere diventata Partner di Google nel 2015, Marketing km zero ha siglato un importante accordo con Zerogrey Ltd. Zerogrey, azienda irlandese fondata dall’italiano Giovanni Meda e divenuta celebre per aver sviluppato Kooomo. Nel 2016 proprio Kooomo è entrata nel gotha dei Cool Vendors in Digital Commerce, consacrata dall’organismo indipendente Gartner come una delle migliori cinque piattaforme di e-commerce al mondo.

Diadora, Motivi, Yamamay, Borsalino, Havaianas, Blumarine, Il gufo sono solo alcuni dei brand italiani che hanno scelto Kooomo per fare business in tutto il mondo.

Il successo di Kooomo è presto spiegato: si tratta di un sistema completo che consente la gestione dell’e-commerce in tutte le sue fasi: dal data entry sino alla gestione di ordini e prodotti, passando per una perfetta integrazione con importanti componenti esterni che regolano logistica, modalità di pagamento e fatturazione. Un altro innegabile vantaggio: il software viene venduto come servizio (piattaforma SaaS), caratteristica che si converte in facilità e velocità di utilizzo, maggior sicurezza e nessun onore né per installazione e spazio server, né per banda e interventi sistemistici. Come se questo non bastasse, grazie all’inedita tecnologia 1-click, Kooomo si integra all’istante con altri sistemi ormai ritenuti vitali per un’attività di marketing on-line (MailChimp, Paypal, Google AdWords, Marketplace del calibro di eBay e Amazon e molto altro ancora).

La partnership tra Marketing km zero e Zerogrey, suggellata a Dublino nel mese di ottobre 2016, si articola su due fronti: da una parte la web agency svilupperà nuovi e-commerce per conto di ZeroGrey; dall’altra, Marketing km zero distribuirà commercialmente Kooomo in Italia, offrendo anche servizi correlati di consulenza, grafica e marketing online.
«Questa partnership ci permette di offrire nuove opportunità di crescita a tutti i nostri clienti che decidono di affrontare il mercato online in maniera professionale e strutturata » dichiara Marco Rossi, Direttore commerciale di Marketing km zero.

«Rispetto alle altre piattaforme da noi utilizzate – prosegue l’Ingegner Giorgio Ghisalberti, CTO di Marketing km zero – Kooomo è la più completa perché offre un’integrazione unica con altri strumenti di vendita online come eBay e Amazon. Ciliegina sulla torta: il prezzo è davvero competitivo rispetto a player dello stesso livello, fattore che ne decreterà di sicuro il successo».

Gaetano D’Auria, Head of Sales di Zerogrey, esprime il suo ottimismo per l’accordo raggiunto: «Siamo alla ricerca di partner competenti e affidabili che ci presentino in maniera professionale sui vari mercati. Consideriamo Marketing km zero un’azienda con enormi prospettive di sviluppo».

La chiosa arriva da Ciaran Bollard, General Manager di Zerogrey: «Abbiamo testato Marketing km zero su un primo progetto. Le grandi competenze tecniche riscontrate si sono sposate con il rispetto delle tempistiche. Stringere una collaborazione ufficiale è stato un passaggio del tutto naturale».

Kooomo

L’accordo raggiunto a Dublino, dal sinistra Ciaran Bollard (General Manager di Kooomo), Giorgio Ghisalberti (CEO di Marketing km zero), Marco Rossi (CEO di Marketing km zero) e Gaetano d’Auria (Head of Sales di Kooomo).

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.