BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Promossa a pieni voti la Foppa al debutto, in attesa di esami ben più attendibili

Non poteva certo essere il modesto Bisonte Firenze (più che un bisonte un tenero agnellino) a rovinare la festa rossoblù. La Foppa torna al PalaNorda dopo sei mesi e si ripresenta ai suoi tifosi con una vittoria in quattro set. Certo le prime giornate del torneo sono da sempre una sorta di appendice al precampionato e vanno prese con le pinze, sia nel bene che nel male. Certo l’avversaria, oltretutto priva di Calloni e Bechis, non era certo un banco di prova attendibile per chi punta in alto. Però le sensazioni lasciando il PalaNorda sono positive e invitano a guardare con ragionevole ottimismo al prosieguo della stagione.

GUIGGI SUPER – Innanzitutto il pacchetto centrali si è sensibilmente rafforzato rispetto alla passata stagione. Meglio tre buone centrali che quattro mediocri insomma. La coppia titolare Guiggi-Popovic offre ampie garanzie e da subito le ha messe sul piatto: 16 punti e 59% in attacco per l’ex Novara, 9 punti tra cui 5 muri per l’ex Vicenza. E in panchina Paola Paggi, garanzia di affidabilità in caso di bisogno ma allo stesso tempo giocatrice serissima, in grado di tenere sulla spina le titolari nel lavoro in settimana. Dopo le difficoltà e le pezze messe a stagione in corso degli anni passati, qui stiamo tranquilli.

SKOWRONSKA – C’era poi curiosità nel vedere all’opera la nuova opposta Skowronska, all’esordio a Bergamo dopo tanti anni all’estero e prima ancora avversaria di epiche battaglie con la maglia di Pesaro. La polacca si è mossa bene firmando 19 punti e mettendo in evidenza quelle che saranno le sue caratteristiche: palle veloci, meno impeto, tanta manualità e varietà nei colpi. Si passa dalla potenza di Barun quindi ad un tipo di giocatrice diversa ma che, con una ricezione buona e un’alzatrice di livello mondiale come Lo Bianco, potrebbe fare sfracelli.

POSTO QUATTRO – Sylla ha confermato il livello eccellente in attacco, ma anche i limiti in ricezione. Nell’organico però, oltre a Gennari ancora in fase di recupero dall’infortunio (per lei solo scampoli di match), figura un’efficace Partenio, pronta a dar man forte al reparto con le sue ottime percentuali in ricezione (78-56% domenica). Merito quindi a Panzetti l’aver allestito un organico sicuramente più omogeneo e variegato allo stesso tempo, con diverse opzioni a disposizione di Lavarini anche in caso di infortuni. Assente domenica anche Cardullo, sostituita dal nuovo secondo libero brasiliano Suelen: più che sufficiente la sua prova.

LAVORO DA FARE – Naturalmente per Lavarini rimane molto lavoro da fare, meccanismi da perfezionare, schemi da collaudare. Ma ragionevolmente possiamo ritenere la Foppa attrezzata per puntare alle prime quattro posizioni. La differenza la farà come sempre la condizione fisica nel momento decisivo della stagione e il clima e l’alchimia che si andrà a creare nel gruppo, fattore determinante in tornei difficili ed equilibrati come quello italiano.

SCANDICCI PRIMO VERO TEST – Domenica le rossoblù renderanno visita alla Savino del Bene Scandicci delle ex Merlo e Loda, in quello che potrebbe essere il primo scoglio dell’anno. Le toscane si sono già permesse il lusso di rovinare la festa scudetto a Conegliano, vedremo se la Foppa saprà replicare il brillante successo della passata stagione.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.