BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Calzature e borse, export in forte crescita: Bergamo +19,6%, per 51 milioni di euro

L'export di calzature, borse e pelletteria partono, oltre che da Milano (oltre un miliardo, +7,1%), da Brescia (113 milioni, +14,7%) e da Varese (64 milioni, +10,4%). In forte crescita Bergamo (51 milioni, +19,6%), Mantova (59 milioni, +18,8%).

Dall’azienda di bigiotteria di Settimo Milanese a quella di calzature di Milano, fino ad arrivare alle imprese che producono borse a Peschiera Borromeo, cinture a Trezzo sull’Adda o calze a Milano. Sono alcune delle aziende milanesi del settore calzature, pelletteria e accessori che parteciperanno domani al progetto “Incoming buyer”.

Ed è solo il primo dei tre appuntamenti a cui hanno già aderito 90 aziende della moda e dell’arredo che incontreranno possibili partner commerciali provenienti da Corea del Sud, Danimarca, Emirati, Qatar, Arabia Saudita e Stati Uniti. L’appuntamento di domani, martedì 18 ottobre, è organizzato da Promos, azienda speciale della Camera di commercio di Milano per le Attività Internazionali nell’ambito del progetto “Incoming buyer” e si terrà: a Palazzo Giureconsulti – piazza Mercanti, 2 (MM Duomo), dalle 9 in poi.

Moda e arredo: 22 novembre e 14 dicembre, ecco le prossime tappe milanesi del progetto “Incoming Buyer”. Gli appuntamenti si terranno tutti in Camera di commercio di Milano, presso Palazzo Giureconsulti, piazza Mercanti 2 (MM Duomo). Le iscrizioni sono ancora aperte. Per informazioni: www.promos-milano.it.

L’export di calzature e pelletteria vale per Milano oltre un miliardo di euro nei primi sei mesi del 2016, +7,1% rispetto all’anno precedente e rappresenta ben il 70% del totale regionale e un terzo di tutto il settore milanese della moda e dell’arredo che supera i 3 miliardi. La prima destinazione è la Francia, seguono Hong Kong e Corea del Sud per le borse. Francia, Stati Uniti e Svizzera per le scarpe. Emerge da un’elaborazione della Camera di commercio di Milano su dati Istat, nei primi sei mesi del 2016 e del 2015.

Moda e arredo dalla Lombardia: un business che vale 7,6 miliardi di euro nei primi sei mesi del 2016, +4% rispetto all’anno precedente. Un quinto di questo export è fatto di calzature, borse e pelletteria, pari a un miliardo e mezzo di euro, in crescita del 6,2%. Questi articoli di moda partono, oltre che da Milano(oltre un miliardo, +7,1%), da Brescia (113 milioni, +14,7%) e da Varese (64 milioni, +10,4%).
In forte crescita Bergamo (51 milioni, +19,6%), Mantova (59 milioni, +18,8%) e Cremona (16 milioni, +21,9%). Mentre è a Pavia e Lodi che il settore scarpe e pelletteria pesa di più sull’export complessivo di moda e arredo: rispettivamente il 44,5% (per un totale di 61 milioni di export soprattutto di scarpe, più che di accessori, che da sole valgono 54 milioni) e il 34,1% (15 milioni, di cui 11 di calzature).

Il progetto “Incoming Buyer”. È realizzato da Sistema Camerale Lombardo, Regione Lombardia con il supporto di Promos, azienda speciale per le Attività Internazionale della Camera di commercio di Milano. L’iniziativa, che prevede l’accoglienza di operatori economici selezionati con l’obiettivo di favorire il processo di internazionalizzazione delle imprese lombarde, nel corso del 2016 vedrà l’organizzazione di un totale di circa 3.500 incontri b2b nel corso di 30 appuntamenti in tutte le province lombarde, con il coinvolgimento di circa 1000 imprese del territorio e 110 buyer provenienti da tutto il mondo. Ad oggi sono già stati realizzati 17 incontri in tutte le province lombarde, che hanno visto l’adesione di circa 460 aziende del territorio e 64 buyer, per un totale di quasi 2000 incontri. Il progetto è destinato a piccole e medie imprese di produzione di beni o servizi con sede legale o operativa in Lombardia che abbiano potenzialità di interazione con i buyer esteri.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.