BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Fabrizio Corona e Cottone, l’ex marito di Valeria Marini, dividono la stessa cella del carcere

Giovanni Cottone, l'ex marito di Valeria Marini, arrestato nell'ambito dell'inchiesta della Procura di Bergamo sul crac dell'agenzia di lavoro interinale Maxwork, dichiarata fallita nel giugno 2015 divide con Fabrizio Corona la stessa cella del carcere a San Vittore a Milano.

Una cella vip per due protagonisti della vita dorata: Fabrizio Corona e Giovanni Cottone dividono la cella 109 nel terzo raggio del carcere di San Vittore a Milano. Giovanni Cottone, l’ex marito di Valeria Marini, è stato arrestato nell’ambito dell’inchiesta della Procura di Bergamo sul crac dell’agenzia di lavoro interinale Maxwork, dichiarata fallita nel giugno 2015.

A rivelarlo sono Berto Evitandolo e Alberto Dandolo che sul sito Dagospia.com svelano diversi segreti.

“La cella numero 109, nel terzo raggio di San Vittore, ospita i colletti bianchi del carcere milanese, ben distante dagli orrori del sesto raggio. Qui c’è la cella viene chiamata “camera”, c’è la doccia, c’è il cucinino. C’è addirittura l’accesso alla palestra, che pare Fabrizio Corona stia usando già in modo intensivo. E poi sono in tre in cella, e non in otto” scrivono i due giornalisti.

“Dagospia può rivelare che una delle due persone con cui Fabrizio divide il letto (a castello) è… l’ex marito di Valeria Marini: Giovanni Cottone. Palermitano classe 1957, sposa Valeriona il 5 maggio 2013. Ma prima e dopo, di storie ne conosce a bizzeffe, il buon Cottone. Da quello strano sequestro di persona a cui sfugge all’ultimo secondo, ordito dall’ex moglie (non la showgirl, ma la prima moglie: Giuseppina Casale), anche lei nelle patrie galere, alle sue geniali imprese imprenditoriali (alcune geniali davvero, come la valanga di dvd, decoder per il digitale terrestre e altre cinesate importate a due lire e rivendute a peso d’oro quando Paolo Romani decise lo switch-off che ha spento la tv analogica per sempre). Ecco, appunto Paolo Romani. Uno degli amici storici di Giovanni Cottone, il presidente dei senatori di Forza Italia. Come del resto buona parte del giro azzurro, con cui faceva tanti buoni affari”.

“Poi, il 2013, il matrimonio con Valeria Marini, che non sapeva nulla della prima moglie che provò a rapirlo per poi ucciderlo (questa era l’intenzione della donna, dall’inchiesta che poi ne seguì). Ma lei, Valeriona, non sapeva nulla della ex, né dei figli che lui già aveva. E dire che il 5 maggio 2013 sembrava così felice: 900 invitati ed Enzo Miccio, con dirette tv e tutto il circo equestre dello spettacolo nostrano. Poi comincia il calvario. Sesso, tra Valeriona e Cottone sposi, pochino”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.