BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Il caso Spotlight” alla sala Gamma di Torre Boldone

"Il caso Spotlight di Tom McCarthy" è il film che verrà proiettato domenica 16 ottobre alle 21 all'Auditorium Sala Gamma di Torre Boldone.

Più informazioni su

Genere: Thriller; Drammatico
Regia:  Tom McCarthy
Interpreti:  Mark Ruffalo (Michael Rezendes), Liev Schreiber (Marty Baron), Michael Keaton (Walter Robinson), John Slattery (Ben Bradlee Jr.), Rachel McAdams (Sacha Pfeiffer), Brian d’Arcy James (Matty Carroll)
Nazionalità: Usa
Distribuzione: Bim Distribuzione
Anno di uscita: 2015
Origine: Usa (2015)
Soggetto: Tom McCarthy
Sceneggiatura: Tom McCarthy
Fotografia: Masanobu Takayanagi
Musiche: Howard Shore
Montagg.: Tom McArdle
Durata: 128’
Tematiche:  Politica; Chiesa; Società; Pedofilia

Soggetto: Il caso Spotlight porta sul grande schermo i primi sei mesi dell’inchiesta del Boston Globe che nel 2002 ha rivelato l’insabbiamento pluridecennale di una serie di abusi sessuali compiuti all’interno dell’arcidiocesi di Boston. Lo scandalo rivelato dalla squadra investigativa Spotlight (che significa letteralmente “faretto/luce”) ha finito per assumere un’eco mondiale. Quattordici anni dopo, la Chiesa cattolica continua a dover rispondere del perché ha nascosto comportamenti così gravi su una scala così ampia e dell’adeguatezza delle sue riforme interne.

Valutazione:  Fino a qualche tempo fa era molto difficile trovare film o documentari che parlassero dello scandalo della pedofilia all’interno della Chiesa. Però, nel 2009 le parole del cardinale Claudio Hummes al settimanale cattolicoVida Nueva, che affermava fosse ora di aprire gli occhi di fronte al problema, hanno cambiato molto le cose, dando il via anche nel cinema alla libertà di espressione su un tema che non poteva più essere celato dietro il velo dell’ipocrisia. “Il caso Spotlight” nuovo film di Tom McCarthy, parla proprio di questo ponendosi in una via di mezzo tra lo stile documentaristico del film Mea Maxima Culpa: Silenzio nella casa di Dio, di Alex Gibney del 2013, e quello del giornalismo d’assalto di Quinto Potere di Sidney Lumet. Si racconta la storia vera dell’indagine condotta all’inizio del nuovo Millennio dal quotidiano The Boston Globe nei confronti dell’arcivescovo Bernard Francis Law che coprì col silenzio e con la reticenza un alto numero di abusi sessuali perpetrati a danno di minori. Temi caldi e molto contingenti, alla luce anche delle recentissime dichiarazioni del Papa sull’argomento.  La forza con cui Papa Francesco ha condannato, anche con la detenzione entro le mura vaticane, i colpevoli di questo tipo di reati, è prova di un’acquisita nuova consapevolezza in materia.  La volontà di denuncia del film si riconnette alla grande tradizione del cinema civile americano degli anni Settanta di cui, nel marasma dei prodotti bassamente commerciali di oggi, si sente una grande mancanza. Al di là del plauso dei critici, Il caso Spotlight  ha ottenuto un risultato lusinghiero. Molti giornalisti, tramite email, tweet e post su Facebook, hanno dichiarato di sentirsi motivati, incoraggiati e rinfrancati. Non è cosa da poco per una professione così malconcia. Film vincitore di 2 statuette ai premi Oscar 2016, miglior film e miglior sceneggiatura originale.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.