BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Patenti ritirate, furti e minacce: controlli a raffica dei Carabinieri nella Bassa

Guida sotto l’effetto dell’alcol e patenti ritirate, furti, minacce. È stato un week-end di controlli serrati quello andato in scena nella Bassa Bergamasca.

A Romano di Lombardia, i carabinieri della locale stazione hanno denunciato un marocchino 38enne, con alle spalle già altri precedenti, per minacce aggravate. Lo straniero, mediante l’uso di un coltello, ha minacciato una persona per motivi ancora da chiarire. Dopo aver rinvenuto l’arma e averla sottoposta a sequestro, al magrebino è stata altresì contestata la violazione dell’immigrazione clandestina ed avviata nei suoi confronti la procedura di espulsione amministrativa.

A Caravaggio è stato invece denunciato uno studente 17enne del posto individuato quale responsabile di un borseggio ai danni di una 65enne casalinga. Il giovane, con destrezza, si sarebbe impossessato di una borsetta custodita all’interno di un cestino della bicicletta della vittima. Le successive e immediate ricerche eseguite dai militari hanno così permesso di individuare il minorenne e di recuperare la refurtiva, già riconsegnata alla proprietaria; mentre a Martinengo i carabinieri hanno fermato e sottoposto a controllo un 50enne rumeno riscontrato positivo all’alcoltest. Oltre al deferimento alla Magistratura bergamasca, nei confronti dell’uomo è scattato anche il ritiro della patente di guida e la decurtazione di 10 punti dalla stessa. Stessa sorte per un 43enne a Treviglio e per un 54enne a Pagazzano, denunciato in stato di libertà dai carabinieri di Treviglio per guida sotto l’effetto dell’alcol: all’uomo è stata ritirata immediatamente la patente di guida e decurtati 10 punti dalla stessa.

Infine, ad Antegnate, i carabinieri di Calcio hanno rintracciato e denunciato in stato di libertà per furto aggravato una 25enne della provincia di Bergamo che aveva compiuto un furto all’interno dell’ipermercato “Auchan”. In questo caso è stata la vigilanza dell’esercizio commerciale ad allertare i militari dell’arma, che hanno così recuperato nella disponibilità della ragazza accessori vari per telefoni di ultima generazione, occultati all’interno della propria borsa.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.