BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Matteo Rossi a Confindustria: “Insieme possiamo fare molto di più”

Voglio dirvi grazie perché durante la crisi il vostro lavoro e la vostra capacità d’innovazione ha fatto si che oggi si possa guardare con fiducia al futuro.

Abbiamo obiettivi comuni e Insieme possiamo raggiungerli. A partire dal prolungamento della Teb fino a Vertova, progetto sul quale molti di voi ci hanno messo direttamente la faccia.

A Bergamo gli anni della crisi sono stati anche anni di assenza della politica, ma oggi il vento è cambiato, e sapete di poter trovare nelle istituzioni locali interlocutori credibili, che seppur indeboliti hanno idee chiare e una precisa strategia sulle politiche di sviluppo territoriale.

E’ vero anche che questi non sono più i tempi in cui le istituzioni locali possono da sole fare investimenti in grandi opere. La crisi ha accentrato significativamente le risorse. Ma proprio per questo oggi è il momento in cui per andare a prenderle occorre saper fare squadra e avere le idee chiare sugli obiettivi da raggiungere.

Formazione, innovazione, più velocità, meno burocrazia, più infrastrutture materiali e immateriali, una governance migliore. Sono le cose che il Presidente Galizzi ci ha chiesto due anni fa nella vostra assemblea.
In 24 mesi abbiamo collaborato e raggiunto risultati importanti.

Un grande investimento sulla Formazione professionale, siamo stati i primi in Italia a firmare il Protocollo per il sistema duale, c’è stato una decisa scelta d’investimento sugli Its. E faccio appello a tutti voi affinché nel 2017 si possa aprire un nuovo Its per la filiera agroalimentare proprio mentre la lombardia orientale sarà capitale europea della gastronomia. Serve l’adesione di tante imprese del settore per poter realizzare questo obiettivo.

Sulla burocrazia, abbiamo diminuito da 12 a 5 mesi i tempi per le autorizzazioni ambientali delle imprese del settore chimico, e a fine mese andremo a Roma tutti insieme per parlare di questo modello assunto dal governo come esempio per l’intero Paese.

Abbiamo pagato alle imprese 10 milioni di debiti arretrati.

È stata aperta l’opportunità di nuovi investimenti sulla banda larga con l’operazione che ha portato McLink ad acquisire la parte commerciale di Big fibra, Big tlc.

Si sono trovati i soldi per la variante di Cisano e per quella di Zogno

Abbiamo scongelato il progetto del raddoppio ferroviario Ponte Montello e del Collegamento con Orio. Questo significa togliere Bergamo dallo storico isolamento nel sistema ferroviario lombardo, ma anche Significa dotare di una infrastruttura quel distretto della salute sul quale sta investendo anche la nostra università capace di attrarre capitali, ricerca, innovazione.

Abbiamo cominciato a far dialogare i nostri uffici Europa.

E sulla gestione dei debiti ereditati abbiamo avuto grande attenzione a non scaricasse sul sistema bancario gli errori della politica, consapevoli che ciò avrebbe comportato un segnale negativo per il sistema nel suo complesso.

Possiamo fare insieme molto di più. Il lavoro della nuova cabina di regia “Ocse, Bergamo 2030” sarà determinante.
Noi non siamo certo fra quelli che dicono chele riforme non vanno fatte, anzi, vogliamo che siano più veloci, ma anche più coerenti alle buone pratiche territoriali, capaci di colpire la spese improduttiva ma di premiare quella produttiva, capaci di tenere insieme le politiche industriali dello Stato centrale con quelle di sviluppo territoriale.
Bergamo è ancora un modello per l’intero Paese. Per questo abbiamo la responsabilità di continuare a lavorare insieme.

* Matteo Rossi, presidente della Provincia di Bergamo

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.