BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Ex faunistico, si riparte a maggio: sosta turisti solo nel silos, residenti sulle mura foto

L'Amministrazione Gori ha approvato una delibera che smuove la situazione per il parcheggio ex faunistico, con l'obiettivo di far ripartire il cantiere nella primavera del 2017, con conclusione dei lavori entro il 15 marzo 2019.

Un progetto atteso 12 anni e passato attraverso quattro amministrazioni, da Veneziani a Gori, passando per Bruni e Tentorio, e che ora sembra essere finalmente arrivato ad una quadratura: con una delibera di Giunta del 29 settembre l’amministrazione comunale di Bergamo ha ridato il via libera alla realizzazione del parcheggio all’ex faunistico in città alta, prevedendo l’inizio dei lavori per la primavera 2017 e la conclusione entro il 15 marzo 2019.

A poco meno di 8 anni dalla frana del dicembre 2008 la Giunta ha messo la firma su un atto transativo che completa la convenzione originaria e che cambierà di fatto la mobilità di città alta: con la creazione del parcheggio gli oltre 200 posti auto a strisce blu sulle mura, e la cinquantina in piazza Mercato del Fieno, diventeranno ad uso esclusivo dei residenti mentre nel silos, da 473 posti, ce ne saranno 395 a rotazione e a pagamento per un massimo di 2,80 euro all’ora, 64 venduti e nominali e una decina per disabili.

Una modifica che consentirà di estendere anche la ztl 0-24 e 7 giorni su 7, chiudendo il perimetro di città alta e aprendo la possibilità di nuove chiusure oltre a quelle del weekend: l‘idea è quella di rendere accessibile la ztl solamente ai turisti diretti al silos e ai residenti.

“L’assetto della mobilità è l’aspetto da cui sono partite le valutazioni del parcheggio – ha spiegato l’assessore Stefano ZenoniLa nostra idea è stata di riservare le mura per i residenti, liberando così le piazze, e di rendere il silos l’unico luogo di parcheggio per i visitatori: alberghi e bed & breakfast si potranno convenzionare con il silos per i propri ospiti mentre per chi lavora in città alta l’idea è quella di riservare alcuni spazi appositi tra quelli meno appetibili per i residenti, ad esempio spalto 100 piante. Vista l’importanza di città alta è giusto che la scelta di andarci in macchina venga pagata: toccherà poi all’amministrazione migliorare le alternative e le offerte per raggiungerla senza auto”.

La delibera di giunta passerà in consiglio comunale il 10 ottobre prossimo: la concessionaria Bergamo Parcheggi, composta al 77% da Parcheggi Italia e al 23% da Atb, aspetterà quella data per preparare un bando di gara che sarà a livello europeo.

Gara che non sarà più al massimo ribasso ma alla proposta economicamente più vantaggiosa, ovvero che oltre al ribasso offre anche parametri migliorativi del progetto: i lavori dureranno 22 mesi. Il costo complessivo del progetto è di 16 milioni di euro iva compresa con la possibilità per il Comune di trarre ulteriori benefici da eventuali risparmi, tra i quali l’utilizzo degli avanzi per opere di miglioramento della qualità pedonale di città alta.

“Nel programma elettorale avevamo previsto di riprendere i lavori per la realizzazione di un parcheggio più piccolo di quello che era stato previsto – spiega l’assessore ai Lavori Pubblici Marco Brembilla – Una volta preso possesso della documentazione e sentita l’avvocatura si è visto che questa convenzione non poteva essere modificata in modo unilaterale e quindi non poteva essere annullata se non a rischio di un debito fuori bilancio, con la concessionaria che avrebbe potuto rivalersi. Le preoccupazioni maggiori erano legate alle modalità di esecuzione dell’opera, del controllo della stessa e dell’asportazione del materiali: circa 5mila camion sarebbero passati da porta Sant’Agostino per cui abbiamo pensato all’installazione di una teleferica che di fatto consente dei trasportare il materiale dalla zona di scavo al Campo Utili. Cambierà anche il metodo costruttivo: si agirà con dei micropali e con delle travi orizzontali che consentiranno una maggiore capacità di tenuta. Abbiamo infine chiesto e ottenuto che ci sia la supervisione di un nostro consulente”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.