BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Seriate, minoranze unite contro la Lega: “Sulla sicurezza solo chiacchiere e distintivo”

“Istituzionalmente ridicolo e politicamente inaccettabile, non ci sono altri modi per sintetizzare il comportamento dell’ufficio relazioni esterne della Città di Seriate, neo ufficio stampa della Lega Nord di Seriate e promotore del presidio sulla sicurezza di venerdì 23 settembre 2016 – inizia così la nota diffusa dai Gruppi consiliari Lista Civica Albatro, Partito Democratico e Movimento Cinque Stelle -. Con un comunicato su carta intestata si è promossa un’iniziativa di partito per il semplice fatto che il sindaco è un militante di quel partito, e questo lo legittimerebbe a invitare tutta la cittadinanza attraverso un canale istituzionale di comunicazione pagato da tutti i cittadini”.

“Abbiamo più volte contestato in questi anni la necessità dell’addetto stampa, convinti che per una città di 25 mila abitanti sia uno spreco impegnarvi 1.200 euro al mese, ma che si arrivasse ad usare queste risorse per promuovere eventi partitici non l’avremmo mai immaginato – continuano le minoranze -. La prossima volta vedremo i messi comunali volantinare ai gazebo? È davvero triste vedere la casa di tutti i seriatesi trasformata maldestramente in sede di partito. Nel merito ci chiediamo quale credibilità abbia una forza politica che governa Regione e Città da 23 anni e che organizza presidi per qualcosa che è lei stessa a non saper garantire, cioè la sicurezza dei propri cittadini. In sostanza, la Lega manifesta contro se stessa?”.

“La Lega, abituata a farlo da anni, come suonasse un disco rotto, se la prende con un patto di stabilità che di fatto non esiste più; certamente è vero che le Forze di Polizia sono territorialmente sotto organico, e legittimo è invitare Roma a porvi rimedio al più presto, ma se si spendono 9 milioni in opere sul proprio territorio senza dedicare un euro alla sicurezza, diventa un filo ridicolo organizzare manifestazioni – conclude la presa di posizione di Albatro, Pd e M5S -. La realtà è che ovunque si installano sistemi di videosorveglianza all’avanguardia a tutela della cittadinanza mentre a Seriate non riusciamo a far funzionare due telecamere in centro storico. Ma chi si pensa di prendere in giro? Un consiglio molto concreto e attuabile però vogliamo darlo a questa maggioranza confusa: si usino le risorse che ogni mese vanno all’addetto stampa per riparare, mantenere e implementare le telecamere di Piazza Bolognini, obsolete e non funzionanti. Forse avremo più sicurezza, certamente avremo meno chiacchiere”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.