BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Elezioni provinciali, Forza Italia a caccia di equilibri: “Ci confronteremo con la Lega”

Sedici candidati, tutti i territori della provincia rappresentati e la volontà di giocare ancora un ruolo da protagonista in via Tasso: la lista “Civici Popolari Indipendenti per Bergamo” si presenta così all’appuntamento elettorale di sabato 1 ottobre che rinnoverà il consiglio provinciale. 

Due conferme e tante novità per il gruppo: le certezze sono rappresentate dai consiglieri uscenti Jonathan Lobati e Demis Todeschini, rispettivamente sindaco di Lenna e consigliere comunale a Sant’Omobono Terme. Si dedicherà, invece, solamente al suo comune, Albino, l’altro consigliere uscente Fabio Terzi: “Ha una città importante da seguire in modo specifico – precisa il coordinatore provinciale di Forza Italia Paolo Franco – Quindi ha rinunciato alla candidatura”.

Il punto di forza, come più volte sottolineato in fase di presentazione, è la copertura capillare del territorio: si va dalla piccola Barbata e dal suo sindaco Vincenzo Trapattoni fino a Vilminore di Scalve con Pietro Orrù, dalla già citata Sant’Omobono a Lovere con il consigliere di maggioranza Nicoletta Castellani.

La lista è completata da Massimo Baggi, assessore ai Lavori Pubblici, Ambiente e Viabilità a Sorisole, Gennaro Bellini, vicesindaco di Foresto Sparso, Diego Bertocchi, sindaco di Selvino, Angelo Covelli, consigliere di minoranza a Ranica, Efrem Epizoi, sindaco di Urgnano, Luigi Fogaroli, capogruppo di minoranza a Costa di Mezzate, Luciano Fratus, assessore all’Edilizia privata, Sicurezza, Urbanistica, Commercio e Tempo libero, Gianluca Iodice, consigliere di minoranza a Dalmine, Alessandra Locatelli, vicesindaco di Mapello, Angelo Migliorati, sindaco di Castione della Presolana, e Simone Scaburri, sindaco di Spinone al Lago.

“Il forte radicamento territoriale è il concetto politico che sta dietro a questa lista – continua Paolo Franco – Lista che non abbiamo fatto alcuna fatica a comporre: ritengo che chi non è riuscito a raggiungere i 16 consiglieri non abbia i numeri per farlo o non ritiene importante l’incarico. Per noi è invece un’importante dimostrazione, rispetto a un tema come le province ormai depauperate dal governo Renzi. Abbiamo messo insieme consiglieri uscenti, candidati vecchi e nuovi, tra cui anche i 3 sindaci più giovani della provincia”.

L’idea è quella di ricreare gli stessi equilibri presenti in Regione Lombardia: “Ci confronteremo con Lega Nord – continua Franco – Faremo una proposta per vedere se nei nostri programmi ci sono punti di vista simili oppure no. Per noi i temi principali sono quelli della mancanza di lavoro, della sicurezza, della salvaguardia del territorio, delle risorse che mancano: difenderemo gli interessi legittimi dei cittadini che rappresentiamo. In questi due anni i nostri consiglieri hanno dimostrato di condividere con impegno l’onere dell’amministrazione della Provincia, senza ritorni di alcun tipo”.

Lega Nord bergamasca che, però, per bocca del suo segretario Daniele Belotti sembra aver già messo in chiaro le cose: “Ci siamo presentati da soli perché in Provincia Forza Italia non ha dato le garanzie di affidabilità che ci aspettavamo. Fanno da stampella a Gori e a Rossi e la nostra posizione, dovrebbero saperlo, è incompatibile con quella della maggioranza. Dopo il voto speriamo si chiariscano le idee”.

E a chi gli fa notare la mancanza di un rappresentante di Treviglio Paolo Franco risponde: “Tra i candidati in Provincia abbiamo scelto di non portare sindaci di Comuni così grandi per non favorire nessuno. La zona territoriale è però ampiamente coperta con la presenza di Ghisalba”.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.