BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Confronto Clinton – Trump: dai primi sondaggi vince Hillary

Faccia a faccia, attesissimo tra la candidata del Partito Democratico e il candidato del Partito Repubblicano. La Clinton in completo rosso, Trump con giacca nera e cravatta blu elettrica.

Secondo un sondaggio della CNN per il 62 per cento degli spettatori il dibattito in vista delle presidenziali americane è stato vinto da Hillary Clinton e per il 27 per cento da Donald Trump. Un altro sondaggio, dell’istituto PPP dice 51 a 40 per Clinton.

Bisognerà aspettare ancora un po’ per avere dati più solidi, e qualche giorno per capire se e quanto il dibattito sposterà nei sondaggi statali e nazionali.

Intanto nella notte tra lunedì e martedì, alle 3 ora italiana, è andato in scena il faccia a faccia, attesissimo tra la candidata del Partito Democratico e il candidato del Partito Repubblicano. La Clinton in completo rosso, Trump con giacca nera e cravatta blu elettrica.

Un dibattito  che ha avuto due-tre scambi molto intensi ma niente di particolarmente irrituale o scoppiettante, pur in una campagna senza precedenti nella storia recente degli Stati Uniti.

Hillary Clinton non è stata eccezionale ma non è nemmeno mai andata davvero in difficoltà, e quando si è parlato dello scandalo sulle email ha tentato di chiudere la discussione il prima possibile dicendo solo di aver fatto un errore e di prendersene la responsabilità.

Donald Trump ha avuto un tono aggressivo per l’intero dibattito, interrompendo più volte Clinton, ma non ha trovato affondi decisivi o battute particolarmente efficaci: più di una volta è sembrato improvvisare, non ha mai fornito dettagli sulle sue vaghe proposte ed è andato in difficoltà quando si è parlato di tasse, della guerra in Iraq e delle teorie del complotto sul luogo di nascita di Obama.

Ecco alcune battute del confronto.

– Se abbiamo l’Isis la colpa è di Barack Obama e Hillary Clinton che hanno abbandonato l’Iraq: parola di Donald Trump, per il quale il duo Barack-Hillary è responsabile del “disastro” in Medio Oriente

– ”Donald mi critica per essermi preparata per il dibattito. Volere sapere per cosa altro sono preparata? Sono preparata per essere presidente”. Lo ha afferma Hillary Clinton.

– “Quando vedo quello che accade a Charlotte e in altri posti nel nostro Paese dico solo che abbiamo bisogno di legalità e ordine pubblico: lo afferma Donald Trump. Per Hillary Clinton “la questione razziale resta una delle grandi sfide nel nostro Paese. Bisogna riformare il sistema della giustizia penale e ripristinare la fiducia tra comunità e polizia, preparando meglio gli agenti nell’uso della forza e nel rispetto della legge”.

– ”Rendero’ nota la mia dichiarazione delle tasse quando Hillary Clinton pubblicherà le sue email”. Donald Trump riferendosi allo scandalo delle email di Hillary. L’uso del server privato da parte di Hillary ”non è stato un errore, è stato fatto di proposito”.

– L’America non ha una leadership: parola di Donald Trump, per il quale Hillary Clinton “sa solo parlare come tutti i politici. Il nostro Paese è in difficoltà per gente come lei”.

– “Donald Trump è una delle persone che ha messo le radici nella crisi immobiliare del 2008”: “Questo si chiama business”, ha replicato Trump. “Nove milioni di persone hanno perso il loro posto di lavoro”, la controrisposta di Hillary Clinton: “L’ultima cosa di cui abbiamo bisogno è tornare alle politiche che hanno fallito”.

– “Donald ritiene che il cambiamento climatico sia una farsa perpetrata dai cinesi”. Hillary Clinton, il tycoon la interrompe per respingere le accuse.

– “I nostri posti di lavoro abbandonano il nostro Paese. Vanno in Messico, in Cina. Stiamo usando il nostro Paese come un salvadanaio a foirma di porcellino”: cosi’ inizia Donald Trump nel primo duello tv con Hillary Clinton, citando Henry Ford

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.