BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

A Stabello la taragna è buonissima: 12mila porzioni vendute, 6mila euro ai terremotati

La 24esima edizione della sagra della taragna nella piccola frazione di Zogno è stata contraddistinta da un'iniziativa solidale: per ogni porzione di polenta venduta sono stati devoluti 50 centesimi alle popolazioni terremotate.

Cinquanta centesimi da devolvere alle popolazioni terremotate del Centro Italia per ogni polenta taragna venduta: la tradizionale sagra di Stabello di Zogno per la sua 24esima edizione ha voluto sfruttare la bontà del suo piatto principe per fare solidarietà e l’obiettivo è stato centrato in pieno.

La festa, distribuita sui due weekend del 16-18 e del 23-25 settembre, come ogni anno ha fatto il pienone di presenze: tutto esaurito in ogni serata con la piccola frazione che per l’occasione ha stravolto le proprie abitudini e non solo.

Un esercito di volontari, oltre 100, parcheggiatori appostati agli snodi principali per indicare la via più comoda agli ospiti, viabilità rivoluzionata: tutti remano nella direzione della buona riuscita dell’evento che, come principale obiettivo, si prefigge le realizzazione di un oratorio per la comunità e che per l’edizione 2016 ha deciso di rinunciare ad una parte dell’incasso per aiutare chi è stato colpito dal terribile sisma del 24 agosto.

sagra della taragna

L’obiettivo della costruzione dell’oratorio spiega in parte il grande coinvolgimento dei giovani del paese, determinati anche a portare avanti una tradizione che ha reso Stabello famoso in tutta la Bergamasca e non solo: quest’anno la sagra ha avuto ospiti da Savona, Firenze e persino da L’Aquila.

Con circa 12mila porzioni di taragna vendute andremo a devolvere una cifra vicina ai 6mila euro – commentano Massimo Pesenti e Yuri Vitali, organizzatori dell’evento – La festa come ogni anno ha avuto un grande successo e ha coinvolto in toto la comunità, in particolare i ragazzi. Passaparola, buon cibo e il clima di festa hanno contribuito alla crescita della sagra: quest’anno abbiamo visto arrivare gente anche con dei minibus organizzati appositamente”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.