BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Giornalista giordano freddato fuori dal tribunale: aveva condiviso vignetta anti-Isis

Aveva condiviso su Facebook una vignetta che nelle sue intenzioni avrebbe dovuto deridere i fanatici dell’Isis e invece si è ritrovato a dover rispondere davanti a un tribunale di oltraggio alla religione: ma Nahed Hattar, giornalista e scrittore giordano di 56 anni, in quell’aula non è mai arrivato.

All’esterno del tribunale, infatti, ad attenderlo c’era un uomo armato che lo ha freddato con tre colpi d’arma da fuoco da distanza ravvicinata.

Hattar, raggiunto alla testa dai proiettili, è morto poco dopo in ospedale: il suo assassino sarebbe un 49enne di Amman, già arrestato dalle forze dell’ordine.

La sua incredibile vicenda era iniziata il 12 agosto quando aveva condiviso il post sulla propria pagina Facebook: la vignetta, intitolata “Il Dio del Daesh”, mostrava il ministro delle Finanze dell’Isis Abus Saleh in paradiso, in compagnia di due donne e mentre chiedeva a Dio un bicchiere di vino. “La prossima volta però bussa prima di entrare” la frase fatta pronunciare dall’autore del disegno.

Sul social si erano scatenati i commenti e gli attacchi, con il giornalista che si era difeso professandosi “ateo” e spiegando le sue reali intenzioni: giustificazioni che non gli avevano risparmiato la convocazione in tribunale. Il suo assassino, però, ha voluto fare “giustizia” prima dei giudici: barba lunga e tradizionale tunica araba, il killer si è avvicinato e ha compiuto la sua missione.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.