BergamoNews.it - Quotidiano online di Bergamo e Provincia

Mobilità sostenibile, Legambiente premia il tram delle valli con la bandiera verde

La sezione regionale di Legambiente ha consegnato a TEB la Bandiera Verde per la promozione della mobilità sostenibile ed efficiente anche sotto il profilo ambientale

Nell’ambito delle iniziative della Settimana Europea della Mobilità, venerdì 23 settembre Legambiente Lombardia ha consegnato a TEB la Bandiera Verde per la promozione della mobilità sostenibile ed efficiente anche sotto il profilo ambientale, collegando la città e la Valle Seriana grazie al Tram Bergamo – Albino.

Nell’ambito della “Carovana delle Alpi”, giunta quest’anno alla XV edizione, vengono assegnate bandiere verdi per progetti e iniziative virtuose e sostenibili e, al contrario, bandiere nere per denunciare comportamenti di sfruttamento indiscriminato delle risorse.

“Siamo molto contenti per questo importante riconoscimento, che riceviamo proprio nei giorni della Settimana Europea della Mobilità, a testimonianza che le buone politiche di mobilità sostenibile sono un valore per il nostro territorio – dichiara Filippo Simonetti, Presidente TEB.

Il tram delle valli è un’infrastruttura green che ha contribuito a trasformare il nostro territorio, generando valore economico, urbanistico e sociale: le vetture viaggiano ad alimentazione elettrica, il 35% dell’intero tracciato è ricoperto di prato, lungo la linea l’interscambio è garantito dai parcheggi e da una bellissima pista ciclabile, e in sette anni di tram abbiamo trasportato oltre 22 milioni di passeggeri.
Ringrazio tutte le persone che lavorano ogni giorno con professionalità al servizio della mobilità collettiva lungo la valle, i soci, e tutte le Istituzioni che hanno creduto nel progetto tram e con i quali intendiamo proseguire questo importante viaggio su rotaia per lo sviluppo dell’intera rete tramviaria.”

Matteo Rossi, Presidente della Provincia di Bergamo: “L’associazione Legambiente conferisce questo riconoscimento di “buona pratica” al Tram delle Valli, il mezzo su rotaia molto gradito dalle migliaia di bergamaschi che ogni giorno lo utilizzano per spostarsi tra la Valle Seriana e la città. Inaugurata sette anni fa, la linea T1 scorre sul sedime della ferrovia dismessa alla fine degli anni ’60, nel pieno dello sviluppo economico, quando tram e treni sparirono per essere sostituiti da mezzi più veloci su gomma che, ahimè, avrebbero portato inquinamento e congestione con i conseguenti costi che paghiamo oggi in termini economici e di salute. I 12 chilometri e mezzo della T1 debbono ora crescere. Puntiamo a estendere la linea oltre Albino, fino a Vertova, e ad attivarla verso la Val Brembana, in modo da ripristinare il percorso che un secolo fa attraversava la nostra provincia, collegando valli, pianura e città in un modo silenzioso, socialmente accessibile e rispettoso dell’ambiente”.​

Nicola Cremaschi, Presidente Legambiente Bergamo: “Le bandiere verdi sono uno dei momenti con cui Legambiente riconosce le buone pratiche per la conservazione e lo sviluppo della montagna. In questo senso assegnare una bandiera verde alla TEB per l’attività di gestione della T1 è riconoscere la capacità di cucire tra loro territori e rigenerare relazioni economiche, sociali, turistiche, culturali.”

La linea tranviaria Bergamo – Albino, inaugurata nel 2009 sfruttando parte del sedime della dismessa ferrovia storica, collega il centro urbano del capoluogo alla Valle Seriana, per una lunghezza di 12,5 km in 16 fermate. Negli ultimi 7 anni, la Linea T1 ha trasportato oltre 22 milioni di passeggeri per quasi 4 milioni di chilometri, guadagnandosi una pagella da prima della classe per la qualità del servizio offerto (indagine di soddisfazione dei clienti 2015).
Nel corso del 2015 sono stati quasi 3,5 milioni i passeggeri trasportati e più di cinquecento mila i chilometri percorsi.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.