BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Caso Foppolo, Brembo Ski contatta gli operai non pagati

Emissari della società che gestisce il comprensorio sciistico, dove lo scorso 8 luglio un incendio doloso ha distrutto le seggiovie Quarta Baita e Montebello, avrebbero iniziato a contattare alcuni degli ex dipendenti non pagati

Qualcosa si muove sul fronte dei lavoratori non pagati da Brembo Ski. Nei giorni scorsi alcuni emissari della società che gestisce il comprensorio sciistico di Foppolo, che sta vivendo un periodo tutt’altro che semplice dopo l’incendio doloso che lo scorso 8 luglio ha distrutto le seggiovie Quarta Baita e Montebello, avrebbero iniziato a contattare alcuni degli ex dipendenti non pagati. Si parla di un piccolo campione tra quelli che non avevano presentato istanza di fallimento nei confronti della società.

Sul piatto ci sarebbe un’offerta di lavoro in vista della prossima stagione invernale che, se tutto filerà liscio, sarà garantita dall’installazione della cabinovia che in sei minuti permetterà agli sciatori di viaggiare dal piazzale degli alberghi alla cima del Montebello.

I dettagli della possibile offerta ancora non si conoscono. Quel che è certo è che gli stipendi arretrati restano ancora un forte punto di domanda e, stando alle voci che circolano a Foppolo e dintorni, rispettare la tabella di marcia dei lavori sarà tutt’altro che un’impresa semplice. Figure importanti come quella del caposervizio e del suo vice, garanti della messa in sicurezza degli impianti ed entrambi licenziati nel mese di luglio insieme agli altri dipendenti a tempo indeterminato, non sarebbero ancora state contattate dalla società, alla ricerca di forza lavoro da impiegare in vista della stagione bianca.

Il caso era montato lo scorso 18 maggio quando cinque dipendenti avevano deciso di presentare in tribunale un’istanza di fallimento attraverso la Cgil nei confronti della società. Motivo: gli stipendi non pagati con arretrati che, nei casi limite, si trascinavano anche da oltre un anno.

L’istanza era stata poi ritirata lo scorso 27 giugno, quando una società terza, la Fenix Italia Srl, con sede a Brescia, aveva anticipato il 30% dei 500mila euro di credito vantato dai lavoratori (49 tra chi spianava le piste e chi sedeva in biglietteria) scongiurando di fatto il fallimento della società: 150mila euro ripartiti tra i dipendenti, stremati dai mancati pagamenti ma anche dal poco dialogo con la società, che aveva interrotto il piano di rientro nel bel mezzo della stagione invernale, e che avevano avuto come effetto il ritiro del procedimento. Dieci giorni dopo, la notte dell’8 luglio, le fiamme avrebbero divorato le due seggiovie a Foppolo.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. […] Stando alle ultime novità, la volontà degli amministratori sarebbe di presentare una richiesta concordato. Poi, da sistemare, c’è sempre la scottante questione degli operai non pagati, che finora hanno intascato solo il 30% del credito in arretrato. Gli ultimi sviluppi parlano di recenti contatti tra la società e un piccolo gruppo di ex dipendenti (si parla di 3-4) chiamati in vista dell’inverno (leggi). […]