BergamoNews.it - Quotidiano online di Bergamo e Provincia

Mura patrimonio Unesco: esame dell’ispettore in Città Alta

Giovedì 22 settembre visita in città di Nicolas Faucherra, l'ispettore incaricato di stilare il rapporto per l’Icomos

Nuova, importante, tappa nel percorso che potrebbe portare le Mura di Città Alta a diventare patrimonio dell’Unesco. Giovedì 22 settembre si è tenuta la visita in città di Nicolas Faucherra, l’ispettore incaricato di stilare il rapporto per l’Icomos, l’organizzazione internazionale che si occupa di beni culturali, organo consultivo dell’Unesco.

Un’ispezione meticolosa e approfondita quella di Faucherre, docente universitario esperto di fortificazioni, che è arrivato a Bergamo mercoledì sera e ha alloggiato all’hotel San Marco di piazzale della Repubblica, da dove ha potuto iniziare ad ammirare le Mura e Città alta.

L’ispettore ha il compito di effettuare sopralluoghi nei siti italiani, croati e montenegrini accomunati dal fatto di essere fortificazioni veneziane realizzate tra il XV e il XVII, allo scopo di verificare sul posto la corrispondenza tra quanto contenuto nel dossier scientifico presentato all’Unesco e la realtà. La sua relazione arriverà poi al Comitato (formato dai rappresentanti di 21 Paesi) che dovrà esprimersi sulla candidatura.

La visita di Faucherre, accompagnato da Giovanni Cappelluzo e Roberto Amaddeo, si è quindi concentrata in Città Alta, in particolare nella zona delle mura. Con fotocamera e taccuino, ha osservato e relazionato ogni angolo della zona più antica di Bergamo alla mattina, e di quella bassa nel pomeriggio. Nel mezzo l’esperto ha pranzato con diversi rappresentati comunali, tra i quali il sindaco Giorgio Gori. Nessun commento sulla città da parte di Faucherre, che comunque è sembrato entusiasta.

Gli undici siti, delle tre nazioni, che compongono la candidatura complessiva sono: Palmanova, Peschiera del Garda e Venezia, Sebenico, Hvar, Zadar e Curzola, Cattaro (Croazia), Castel Nuovo e Dulcigno (Montenegro). 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.