BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“La teoria svedese dell’amore”, a Bergamo la prima del film di Erik Gandini

Giovedì sera, 22 settembre alle 21, in Auditorium il regista svedese di origini bergamasche Erik Gandini presenta in anteprima italiana il suo ultimo film "La teoria svedese dell'amore". Il film esce nelle sale italiane proprio quel giorno, distribuito da Lab 80, e Gandini ha scelto la città d'origine per aprire il tour di presentazioni.

Arriva nei cinema italiani l’ultimo film dell’italo-svedese Erik Gandini, già autore di Videocracy: il documentario La teoria svedese dell’amore sarà in sala da giovedì 22 settembre, distribuito da Lab 80 film.

Narrato in italiano dalla voce dello stesso Gandini, il film è un viaggio nei buchi neri della società più indipendente del mondo, quella svedese: sistema perfettamente organizzato in cui obiettivo primario è l’autonomia totale di ogni persona dalle altre. Un modello sociale realizzato, che si va affermando in tutto l’Occidente e in cui all’indipendenza dei singoli si accompagnano solitudine e svuotamento delle relazioni.

Sin dagli anni Settanta, grazie alla pianificazione a tavolino da parte dell’élite politica di allora di una società votata all’autonomia dell’individuo, la Svezia ha generato cittadini liberi da qualsiasi dipendenza: gli adolescenti dai genitori, le mogli dai mariti, gli anziani dai figli. Oggi quella svedese è una società in cui sempre più vite si snodano in modo solitario, in cui nessuno ha bisogno di chiedere sostegno ad altri e in cui il senso di comunità sembra smarrito. Così nel film si susseguono le immagini di solitari donatori di sperma, che permettono a un numero crescente di donne di diventare madri single; di appartamenti surreali e desolanti dei sempre più numerosi “morti dimenticati” e di aree residenziali destinate a diventare mere aree di transito.

«Come può una società perfettamente sicura e organizzata generare tanta insoddisfazione?», si chiede Gandini nel suo lavoro. Che inevitabilmente suggerisce un ulteriore interrogativo: quello svedese è un modello “futurista” destinato a realizzarsi anche nei paesi del Sud Europa, Italia compresa?

Gandini racconta anche alcuni tentativi di resistenza: quello dei gruppi di giovani che si ritirano nelle foreste per condividere emozioni e contatto fisico; quello di un medico di successo che emigra in Etiopia dove, nonostante operare e curare sia un’impresa ai limiti dell’impossibile, ritrova il senso di comunità. Al termine del film un contributo del sociologo Zygmunt Bauman, che spiega come l’assenza di problemi non sia di fatto in grado di generare esistenze felici.
«Il mio è un film provocatorio – spiega Erik Gandini -, mi sono focalizzato sulle ombre che esistono nel sistema sociale svedese, il più individualista al mondo. Mi piace mettere in discussione le idee più indiscutibili e questo modello di società in Svezia è assolutamente intoccabile. L’obiettivo del mio lavoro è insinuare un dubbio: se l’ossessione per l’autosufficienza e il mito dell’autonomia dell’individuo si rivelassero essere una strada a fondo chiuso?

La teoria svedese dell’amore è stato selezionato, tra gli altri, nei festival di film documentari di Amsterdam – Idfa; Copenaghen – Cph:Dox; Toronto – Hotdocs; Chicago; Linz e Barcellona – DocsBarcelona.

IL TRAILER

La teoria svedese dell’amore (The Swedish Theory of Love) – Trailer from Lab 80 film on Vimeo.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.