BergamoNews.it - Quotidiano online di Bergamo e Provincia

Escursionista bloccato a 2.700 metri di quota, tratto in salvo dal Soccorso Alpino

Sono servite parecchie ore di intervento ai tecnici del soccorso alpino e speleologico per portare in salvo un 38enne bergamasco, rimasto bloccato sul Pizzo del Diavolino, tra Carona e Valbondione

Più informazioni su

Sono servite parecchie ore di intervento ai tecnici della VI Delegazione Orobica del CNSAS Lombardo (Corpo nazionale soccorso alpino e speleologico) per portare in salvo un 38enne bergamasco, rimasto bloccato in un’area impervia e rocciosa a 2.700 metri di quota, sul Pizzo del Diavolino, tra Carona e Valbondione.

L’allarme era stato lanciato verso le 16.30 di venerdì 16 settembre. L’uomo aveva risalito il Pizzo del Diavolo da solo, e scendendo dall’altro lato aveva perso l’orientamento, ritrovandosi in una zona molto ripida, con balzi rocciosi. Per fortuna il telefono recepiva il segnale ed è riuscito a chiedere aiuto. A complicare il tutto le condizioni meteorologiche, non certo favorevoli: scarsa visibilità, nebbia, basse temperature e precipitazioni.

Il primo a raggiungere l’uomo è stato il tecnico di elisoccorso del CNSAS. Prima è stato calato in quota, poi ha proseguito a piedi ed è riuscito a portare a termine l’operazione con successo, in attesa dell’arrivo delle squadre territoriali della VI Delegazione Orobica.

Nel frattempo, un medico e un infermiere sono giunti al Passo di Valsecca, un poco più in basso, per prestare le prime cure: l’uomo era illeso ma in condizioni di ipotermia significativa. Verso mezzanotte i soccorsi sono arrivati sulla persona. È stato poi raggiunto il rifugio Calvi con i mezzi fuoristrada. I tecnici del Soccorso alpino sono scesi, a piedi, dalla montagna, e l’intervento si è concluso all’alba di sabato 17 settembre.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.