BergamoNews.it - Quotidiano online di Bergamo e Provincia

Si infortuna ad alta quota, abitante lo accoglie la notte in attesa dei soccorsi

Brutta disavventura per un giovane escursionista di Bergamo che si è procurato una distorsione alla caviglia sulla strada che porta al rifugio Curò, mentre tornava da una passeggiata al rifugio Tagliaferri. Fortunatamente in suo aiuto è corso un abitante del luogo che ha deciso di ospitarlo in attesa dei soccorsi

Brutta disavventura per un giovane escursionista di Bergamo che, nella giornata di mercoledì 14 settembre, si è procurato una distorsione alla caviglia sulla strada che porta al rifugio Curò, mentre tornava da una passeggiata al rifugio Tagliaferri. Tra le 18 e le 18.30, il 21enne, probabilmente a causa di una caduta accidentale, si è infortunato. Un incidente che gli ha impedito di proseguire fino al rifugio da dove era partito.

Fortunatamente un residente della zona lo ha accolto nella sua baita per tutta la durata della notte in attesa dell’arrivo dei soccorsi, giunti sul posto il mattino seguente. Molta apprensione, invece, tra i conoscenti del ragazzo, per cui si è anche temuto il peggio, impossibilitati nel contattarlo a causa del poco campo telefonico a disposizione.

Intorno alle 7 del mattino di giovedì 15 settembre, l’escursionista è stato poi recuperato dall’elisoccorso dell’ospedale di Sondrio, dove è poi stato trasportato per le cure del caso, da Teglio in località Pila. Le sue condizioni di salute, tuttavia, sono apparse buone.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.