BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

L’export in Lombardia crea 30 mila posti di lavoro

Le imprese che esportano assumono il doppio delle altre. Offrono un posto su tre. Sono più propense a personale giovane (34% rispetto al 31% delle non esportatrici sono under 30) e a laureati (25% contro 15%). Guardano di più l’esperienza dei neo assunti: 59% contro 56%.

L’esportazione delle imprese in Lombardia crea 30 mila posti di lavoro.

Le imprese esportatrici assumono il doppio delle non esportatrici (il 26% cerca collaboratori contro il 13,7% delle altre). Un nuovo assunto su tre in Lombardia è nelle imprese che esportano. Nel 2015 hanno attivato 58 mila contratti di lavoro rispetto ai 121 mila delle non esportatrici. Circa la metà, 30 mila arrivano dalla propensione ad esportare.

Pesano il 18,6% delle imprese lombarde e in regione sono più diffuse che in Italia (12,7%). Sono più propense a personale giovane (34% rispetto al 31% delle non esportatrici sono under 30) e a laureati (25% contro 15%) e valutano di più l’esperienza dei neo assunti (59% contro 56%). Opportunità per gli stage: nelle esportatrici sono circa 6 mila rispetto ai quasi 10 mila delle altre, quasi quattro su dieci trovano lavoro in una realtà orientata all’estero. Emerge da un’elaborazione della Camera di commercio di Milano su dati: Unioncamere – Ministero del Lavoro, Sistema Informativo Excelsior, 2015.

Al via il master NIBI per esperti internazionali: sono aperte le iscrizioni. Un percorso di 412 ore dedicato ai principali temi legati allo sviluppo del business nei mercati internazionali, suddiviso tra lezioni ed esercitazioni in aula, formazione on line, lavori di gruppo e project work finale, con la possibilità di approfondire 3 aree geografiche di interesse strategico: Africa e Medio Oriente, Cina e Far East, America. Questo ciò che offre l’Executive Master per l’internazionalizzazione di impresa, di Camera di commercio di Milano e Promos, organizzato da NIBI – Nuovo Istituto di Business Internazionale – giunto alla sua VIII edizione, che si svolgerà a Milano a partire da gennaio 2017.

L’executive master si rivolge a imprenditori e manager che desiderano intraprendere o hanno già iniziato lo sviluppo internazionale del proprio business, e a professionisti e consulenti, che vogliono ampliare le proprie competenze, valorizzando il proprio percorso di crescita professionale.

L’Executive Master NIBI, nel corso delle 7 edizioni già realizzate, ha contribuito alla formazione di oltre 180 manager. Il percorso formativo termina con un Project Work, che prevede la realizzazione di un progetto di business internazionale, al fine di sollecitare ulteriormente la capacità analitica dei partecipanti, consolidare le diverse competenze acquisite e favorire molto spesso l’interazione con altre aziende che operano nei mercati esteri, mettendo a frutto le reciproche esperienze.

Le lezioni, che si svolgono in formula weekend non consecutivi, sono tenute dai docenti della faculty NIBI, tra i maggiori esperti della materia a livello nazionale.

Nel contesto di crisi economica che ha caratterizzato l’economia locale degli ultimi anni , l’apertura della propria azienda ai mercati esteri è divenuta un’esigenza indispensabile per molti imprenditori italiani, che troppo spesso si trovano ad affrontare questa sfida senza possedere il know how necessario per tutelarsi e far fruttare al meglio le opportunità che i diversi mercati possono offrire al proprio business.

Da qui è nato e si è consolidato negli anni il percorso formativo dedicato ai futuri leader dell’internazionalizzazione delle imprese.
Grazie ai singoli moduli tematici in cui il master è articolato, i partecipanti saranno in grado di: comprendere variabili e dinamiche dello scenario internazionale, selezionare i mercati opportuni per sviluppare il proprio business, individuare gli elementi di una strategia internazionale di successo, elaborare un marketing plan in funzione di nuovi prodotti e mercati, realizzare un business plan per lo sviluppo di un’attività di internazionalizzazione, modellare la supply chain in funzione della strategia adottata, operare nei mercati ad elevato potenziale.

Conoscenze e strumenti indispensabili per il successo della propria azienda all’estero, resi ancora più validi dall’approfondimento di tre aree geografiche strategiche quali Africa e Medio Oriente, Cina e Far East, America.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.