BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Fondi per Foppolo, il Bim si tutela: sì, ma con riserva fotogallery

Il Bim si è espresso: sì ai fondi per rilanciare Foppolo, ma con riserva. Il Consiglio vuole vederci chiaro e tutelarsi il più possibile al fine di evitare sorprese

Il Bim si è espresso: sì ai fondi per Foppolo, ma con riserva. Il Consiglio vuole vederci chiaro e tutelarsi il più possibile al fine di evitare sorprese.

Nel pomeriggio di lunedì 12 settembre il Consiglio direttivo del Bacino Imbrifero Montano, presieduto da Carlo Personeni, si è riunito negli uffici della sede in via Taramelli a Bergamo per decidere se e con quali modalità stanziare i 750 mila euro a fondo perduto agli impianti da ricostruire a Foppolo.

“In riunione si è preso atto del piano quadriennale trasmesso dalla Comunità Montana – spiega il sindaco di San Giovanni Bianco, nonché vice presidente del Consiglio, Marco Milesi -. La quota del Bim verrà erogata un poco alla volta, in base allo stato di avanzamento dei lavori e in quota parte rispetto al finanziamento totale”.

Nessuna erogazione diretta, dunque: “I singoli progetti verranno valutati di volta in volta e cofinanziati dai diversi soggetti coinvolti”.

Soggetti ai quali il Bim chiede garanzie: “Vogliamo avere la certezza che tutti gli attori coinvolti parteciperanno economicamente al progetto”. Il riferimento è a Regione Lombardia, dal quale dovrebbe arrivare un prestito da 2,5 milioni di euro; e ai privati, operatori turistici e imprese del territorio dai quali dovrebbero arrivare altri 2 milioni di euro. Una cifra che, sommata ai 600 mila euro della convenzione regionale stipulata nel 2012, servirebbe a coprire l’intero costo della cabinovia (5 milioni e 187mila euro senza l’Iva) che verrà installata dall’azienda trentino-bresciana Graffer Srl: unica società ad essersi presentata al bando ‘lampo’ indetto lo scorso 22 agosto dal Comune di Foppolo.

Il tempo tuttavia stringe e per salvare la prossima stagione sciistica i lavori dovranno essere completati entro poco più di tre mesi.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.