BergamoNews.it - Quotidiano online di Bergamo e Provincia

Foggia, 16enne muore in scooter: fegato trapiantato a Bergamo

E' stato trapiantato all'ospedale Papa Giovanni il lobo sinistro del fegato di Antonio Francesco Gasbarro, il ragazzino foggiano deceduto dopo un brutta caduta in scooter

Più informazioni su

E’ stato trapiantato all’ospedale Papa Giovanni di Bergamo il lobo sinistro del fegato di Antonio Francesco Gasbarro, il 16enne foggiano deceduto dopo un brutta caduta in scooter. L’incidente è avvenuto domenica 4 settembre, tra Nuova Cliternia e San Martino in Pensilis, quando Antonio Francesco è caduto dal suo ciclomotore ed è finito a terra battendo violentemente la testa.

Ricoverato d’urgenza all’ospedale di Foggia, in neurochirurgia, il ragazzino è spirato dopo quattro giorni di agonia. I genitori hanno così dato il loro consenso alla donazione degli organi.

Venerdì 9 settembre nel reparto anestesia e rianimazione del nosocomio foggiano è stato effettuato un prelievo multiorgano. Sono stati prelevati i due polmoni, il cuore, lo split del fegato (divisione dei due lobi del fegato), i due reni e le due cornee.

I polmoni e il cuore sono stati prelevati e trapiantati dal team dell’Istituto Ismett di Palermo. Il lobo destro del fegato è stato prelevato e trapiantato dal team dell’Azienda Ospedaliera di Padova. Il lobo sinistro del fegato è stato trapiantato all’ospedale Papa Giovanni di Bergamo. I due reni sono stati prelevati dal team della Struttura Complessa Universitaria di Urologia, diretta da Giuseppe Carrieri e trapiantati uno all’Ospedale Bambin Gesù di Roma e l’altro all’Azienda Ospedaliera di Genova. Le cornee sono state prelevate dal team della Struttura Complessa Universitaria di Oculistica, diretta da Nicola Delle Noci e inviate alla Banca dei Tessuti di Mestre.

Al termine della donazione, il Direttore Generale degli “Ospedali Riuniti”, Antonio Pedota, e il Direttore Sanitario degli “Ospedali Riuniti”, Laura Moffa, hanno incontrato i genitori del “piccolo” donatore per esprimere personalmente il loro cordoglio per l’immensa perdita e la loro gratitudine per un atto d’amore così importante e per la sensibilità dimostrata in un momento di grande dolore.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.