BergamoNews.it - Quotidiano online di Bergamo e Provincia

Giorgio Pasotti racconta l’Italia dei borghi: il cortometraggio presentato a Venezia

L’Italia dei borghi, delle piazze, delle fontane, l’Italia nascosta degli angoli di città è stata protagonista lunedì 5 settembre a Venezia nei giorni della 73.ma Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica. Si è tenuta, infatti, alle 16.30 presso lo spazio della Fondazione Ente dello Spettacolo al Lido, l’anteprima del film realizzato dal regista Giorgio Pasotti e dedicato al progetto Arts of Italy, voluto da OVS in collaborazione con Fondazione Ente dello Spettacolo per promuovere la riscoperta delle bellezze italiane attraverso il linguaggio filmico.

Il cortometraggio (durata di circa 10’, visibile online su ovs.it) è stato realizzato con una selezione dei video partecipanti al contest OVS Arts of Italy ospitato sulla piattaforma Zooppa.com.

Giorgio Pasotti

I partecipanti hanno raccontato, attraverso filmati della durata media di un minuto, qual è il legame che hanno con una particolare opera d’arte tanto da renderla per loro così speciale e i vincitori sono stati selezionati da una giuria di qualità, presieduta da Davide Rampello e composta da Achille Bonito Oliva, Mimmo Calopresti, Gaetano Pesce, Gianfranco Pannone.

“Nel film – ha spiegato il regista Giorgio Pasotti, introdotto dal volto Rai Livio Beshir che ha presentato l’evento – raccontiamo i ricordi, le passioni e l’amore attraverso le opere d’arte italiane che entrano nella vita delle persone. Ne emerge un ritratto ironico, a volte commovente, sicuramente ricco di sentimenti: è il senso della vita. Grazie al progetto OVS Arts Of Italy ho avuto la possibilità di firmare una dichiarazione d’amore nei confronti dell’arte, della cultura e della moda italiana”.

Vincitore del contest, premiato dalla giuria a margine della proiezione del film, è Jorge Muchut, videomaker classe 1982. Nato e cresciuto a Còrdoba (Argentina), dal 2014 risiede a Trieste dopo aver percorso all’inverso il tragitto del bisnonno paterno, partito da Cormons per il Sudamerica nel secolo scorso.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.