BergamoNews.it - Quotidiano online di Bergamo e Provincia

Travolto da un muletto in cantiere: 28enne muore al Papa Giovanni

Paolo Redaelli è stato colpito dalla cabina che lo ha schiacciato procurandogli seri traumi. In serata il suo cuore ha smesso di battere.

Si è spento nella serata di giovedì 1 settembre Paolo Redaelli, l’imprenditore di 28 anni rimasto gravemente ferito in mattinata mentre si trovava in un cantiere per la costruzione di una falegnameria di Semogo (Sondrio).

L’uomo, residente a Bormio, stava percorrendo una discesa a bordo di un muletto quando il mezzo si è sbilanciato ribaltandosi. Redaelli è stato colpito dalla cabina che lo ha schiacciato procurandogli gravi traumi.

I colleghi che hanno assistito all’incidente hanno subito estratto il ferito e chiamato i soccorsi. Sul posto sono intervenuti anche i Vigili del Fuoco, da subito le sue condizioni sono risultate gravi tanto che per il ferito è stato necessario il trasporto in eliambulanza all’ospedale di Giovanni XXIII di Bergamo dove è stato ricoverato in terapia intensiva. In serata a causa delle gravi lesioni riportate il cuore dell’uomo ha smesso di battere.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.