BergamoNews.it - Quotidiano online di Bergamo e Provincia

PayTipper e Airc in campo per finanziare la ricerca oncologica

Al via la campagna di donazione dell’istituto di pagamento volta a finanziare una borsa di studio per un ricercatore AIRC.

Prende il via lunedì 5 settembre la campagna di donazione di PayTipper a favore di AIRC – Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro. Per un mese, fino al 5 ottobre 2016, il pagamento di bollettini postali e bancari, (Mav, Rav e bollettini Freccia) effettuato attraverso le reti a marchio Punto Puoi e Sermetra e tramite il sito web PagaComodo, concorrerà a supportare la ricerca oncologica italiana.

Il contributo, interamente versato dall’istituto di pagamento, sarà destinato al finanziamento di una borsa di studio annuale per un ricercatore AIRC, intitolata a PayTipper.
AIRC da oltre cinquant’anni sostiene i progressi della ricerca oncologica italiana finanziando progetti di ricerca e borse di studio per i migliori scienziati del nostro Paese. Nel solo 2015 l’Associazione ha destinato più di 104 milioni di euro per il finanziamento di circa 5.000 ricercatori impegnati nello sviluppo di 615 progetti di ricerca per la prevenzione, la diagnosi e la cura del cancro.

Sempre lo scorso anno sono state assegnate 190 borse di studio per la crescita di una nuova generazione di giovani scienziati.

Il bando per la borsa di studio intitolata a PayTipper S.p.A. si inserisce proprio in questo secondo ambito offrendo a un giovane ricercatore un anno di formazione all’interno di un laboratorio d’eccellenza dove apprendere le basi della ricerca oncologica e maturare un’esperienza fondamentale per il proprio percorso formativo.

“L’investimento sui giovani talenti della ricerca resta per noi una priorità perché siamo certi che saranno loro a trovare in un futuro prossimo le giuste cure da portare a tutti i pazienti colpiti da tumore – ha spiegato Niccolò Contucci, Direttore Generale AIRC -. La collaborazione con PayTipper è quindi due volte importante perché conferma la fiducia e il sostegno che AIRC sta ricevendo da moltissime aziende e ci permette di dare a un giovane una nuova opportunità di crescita”.

airc

Presso gli oltre 2500 esercenti (tra poste private, edicole, cartolerie e altre tipologie di esercenti) che utilizzano i servizi di pagamento di PayTipper, vengono pagati ogni mese circa 400 mila bollettini.

PayTipper effettuerà una donazione di 5 centesimi per ogni bollettino postale o bancario pagato presso le reti fisiche e di € 10 centesimi per i pagamenti fatti tramite il canale online, www.pagacomodo.it. I cittadini che pagheranno un bollettino tramite questi canali, aiuteranno PayTipper e AIRC a finanziare la ricerca oncologica.

“Nel nostro progetto di crescita, abbiamo deciso di intraprendere un percorso di Corporate Social Responsibility – dichiara Angelo Grampa, CEO di PayTipper -. L’iniziativa con AIRC rappresenta il nostro primo passo in questa direzione.” E ha continuato: “Siamo felici di fornire, grazie a questa campagna, un aiuto reale e concreto ai ricercatori. Grazie al sostegno dei nostri partner e di tutti i cittadini che quotidianamente scelgono i nostri canali di pagamento, contiamo, con questa donazione, di contribuire alla nobile causa della ricerca scientifica per la lotta contro il cancro”.

PayTipper Spa è un Istituto di Pagamento autorizzato dalla Banca d’Italia (ai sensi dell’art. 1, lett. b) del D.Lgs. 27 gennaio 2010, n. 11.) che eroga soluzioni e servizi di pagamento innovativi, sicuri e ad alto livello di personalizzazione per soddisfare le esigenze di privati, aziende, reti e istituzioni.

AIRC: Da 50 anni con coraggio, contro il cancro
Dal 1965 l’Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro sostiene progetti scientifici innovativi grazie a una raccolta fondi trasparente e costante, diffonde l’informazione scientifica, promuove la cultura della prevenzione nelle case, nelle piazze e nelle scuole. Oggi può contare su 4 milioni e mezzo di sostenitori, 20mila volontari e 17 comitati regionali che garantiscono a circa 5.000 ricercatori le risorse necessarie per portare nel più breve tempo possibile i risultati dal laboratorio al paziente. Dalla fondazione a oggi AIRC ha distribuito oltre 1 miliardo e cento milioni di euro per il finanziamento della ricerca oncologica (dati attualizzati e aggiornati al 1 gennaio 2016).
Scoprite la storia che, con coraggio, tutti insieme stiamo scrivendo da 50 anni su lanostrastoria.airc.it

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.