BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Una passerella ondulata in legno attraversa Piazza Vecchia

Passeggiando sui 68 metri di lunghezza per un’altezza di 4 metri, per i visitatori sarà come camminare idealmente dalla Bassa Bergamasca al Passo San Marco.

In una delle Piazze più suggestive d’Europa, Piazza Vecchia a Bergamo Alta, gioiello dell’architettura rinascimentale, preservata dal traffico degli autoveicoli, spunta una passerella in legno.

A pochi giorni dall’avvio della sesta edizione della Manifestazione I Maestri del Paesaggio (imaestridelpaesaggio.it), la kermesse organizzata da Comune di Bergamo e Arketipos dal 7 al 25 settembre 2016, il legno si appresta a diventare co-protagonista con la natura degli allestimenti pensati per rendere città Alta e città Bassa indimenticabili palcoscenici green.

Le aziende bergamasche del legno, eccellenza italiana nel mondo nella lavorazione del materiale, riunite nell’iniziativa “Il Legno dalla Natura alle Cose”, coordinata dalla Fondazione Museo del Falegname Tino Sana con l’intento di diffondere la cultura del legno, hanno infatti deciso di investire tutta la loro energia e professionalità nei 68 metri di camminata frutto dell’estro progettistico di Stefan Tischer, professore di Architettura all’Università di Alghero e paesaggista internazionale che ha dato forma all’energia creativa dei 16 studenti della Summer School 2015.

passerella in legno

Un vero e proprio ponte dialogante tra storia e paesaggio, natura e architettura, esperienza didattica e istallazione scultorea senza precedenti sarà realizzato dalle aziende orobiche che si sono contraddistinte nel corso degli anni per l’eccellenza e la qualità del lavoro svolto, Losa Legnami Srl Società Legnami Paganoni Spa, Sartirani Legnami S.r.l e Zanella Legnami S.r.l, con la supervisione tecnica dell’ingegner Gianluca Pesenti e la declinazione artistico – concettuale del maestro del landscaping Stefan Tischer, affiancato da Lucia Nusiner e Maurizio Quargnale.

Una passerella unica nella storia del legno, composta da travi lamellari in abete rosso, travi uso fiume e tavole di abete massello, pannelli di abete listellare, impalcati di tavole di larice spazzolate e pannelli in OSB fenolico classe 3. Tutti prodotti in 300 ore di lavorazione per una struttura montata in 320 ore, con l’impegno di 4 addetti per 8 giorni. La passerella proporrà i cinque paesaggi (urbano, alluvionale, submontano, montano e alpino) della terra orobica.

passerella in legno

Passeggiando sui 68 metri di lunghezza per un’altezza di 4 metri, per i visitatori sarà come camminare idealmente dalla Bassa Bergamasca al Passo San Marco.

L’impegno de “Il Legno, dalla Natura alle Cose” per I Maestri del Paesaggio, si conferma dunque deciso e originale, come dimostrerà la mostra «Evoluzioni Indigene» curata da Alberto Basaglia e Natalia Rota Nodari Architetti Associati nella sede dell’Ex Ateneo di Città Alta, in Piazza R. Giuliani dal 7 al 25 settembre.

Appuntamento anticipato dall’esposizione di sei Isole Indigene nei punti nevralgici della città contraddistinte dalla storica “mano”, simbolo de “Il Legno, dalla Natura alle Cose”, con tutte le informazioni inerenti la manifestazione, e dalle Ovoteche, le culle di uova originalissime nate da sei legni differenti. Piccole biblioteche di essenze locali, ancora una volta indigene, che hanno contagiato positivamente anche i negozi della città con un unico, grande, obiettivo: diffondere la cultura del legno e promuovere la solidarietà. Il ricavato dalla vendita delle ovoteche, infatti, sarà donato al reparto Pediatrico dell’Ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo per l’acquisto di giochi per i bambini ricoverati.

Il legno, dunque, nelle sue numerosissime forme ed espressioni, sosterrà la riflessione dell’edizione 2016 de I Maestri del Paesaggio interamente dedicata al wild, un tema troppo poco spesso affrontato che ora, invece, alla presenza delle più grandi archistar del verde al mondo, sarà importato nel quotidiano.

passerella in legno

La manifestazione, da sempre catalizzatrice di attenzioni a livello nazionale e internazionale, è organizzata dall’Associazione Arketipos insieme al Comune di Bergamo con il sostegno di Regione Lombardia, Camera di Commercio, Fondazione Comunità Bergamasca, Fondazione Credito Bergamasco e gode della collaborazione di Fondazione Lombardia per l’Ambiente, Università di Bergamo e Confindustria Bergamo.

Dal 7 al 25 settembre dunque, la 6° kermesse internazionale dedicata al paesaggio porta a Bergamo i migliori progettisti del paesaggio e le espressioni più interessanti del landscaping internazionale, creando luoghi d’incontro innovativi tra uomo e natura. L’evento, organizzato dal Comune di Bergamo e Arketipos, nasce da linee guida che mirano alla valorizzazione e diffusione della cultura e della potenzialità del territorio, attraverso il coinvolgimento di discipline quali l’architettura del paesaggio, la sostenibilità ambientale, la creatività e il design.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.