BergamoNews.it - Quotidiano online di Bergamo e Provincia

Estate 2016, boom di neonati a Bergamo: fino a 48 in più dello scorso anno

Nel periodo estivo del 2016 si è verificato un incremento di parti all'ospedale Papa Giovanni (unico punto nascita di Bergamo). In particolare a giugno: 48 in più rispetto al 2015

Fino a 48 bambini nati in più a Bergamo nell’estate di quest’anno rispetto a quella del 2015. E’ baby boom di parti nell’unico punto nascita della città: l’ospedale Papa Giovanni XXIII.

Secondo i dati forniti dalla stessa struttura ospedaliera, nel periodo estivo del 2016 si è verificato un incremento di piccoli venuti alla luce. In particolare a giugno, in cui si registrano 48 parti in più rispetto allo stesso mese dell’anno precedente.

Ecco i dati sulle nascite negli ultimi tre anni al Papa Giovanni:

Giugno 2014: 361 nati
Giugno 2015: 335
Giugno 2016: 383

Luglio 2014: 346
Luglio 2015: 361
Luglio 2016: 373

Agosto 2014: dato non disponibile
Agosto 2015: 331
Agosto 2016 (aggiornato a lunedì 22 agosto): 254

Quindi, oltre ai 12 in più di luglio, considerando che in proiezione anche ad agosto ci sarà un incremento, pure negli altri due mesi caldi il dato dei parti è in crescita.

Quali possono essere le cause di questo baby boom estivo?

In primis, c’è da precisare che più bambini nati in città non corrisponde direttamente a un incremento demografico, visto che alcune famiglie residenti in altri comuni potrebbero semplicemente aver scelto il Papa Giovanni come punto nascita, perchè considerato migliore rispetto a quello di altre strutture ospedaliere della provincia. Gli ospedali di Calcinate e San Giovanni Bianco, tra l’altro, hanno chiuso il loro punto nascita.

Parti cesarei programmati, poi, a differenza di ospedali di altre città italiane, non sono da considerare visto che, come spiegano dal Papa Giovanni, corrispondono solo a un numero minimo di parti.

Tra le possibili ipotesi (più curiosa che effettiva, in realtà) rimane quella che a contribuire ai maggiori concepimenti e quindi alle nascite possano essere stati anche i lunghi ponti del 2015, che hanno permesso ai bergamaschi di prendersi qualche giorno di vacanza, favorendo l’intimità di coppia e dando avvio a nuove gravidanze.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.