BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Bergamaschi mammoni? Due su 10 pur lavorando vivono in famiglia

A Bergamo, la quota più alta di chi ha ancora giovani a carico: sono il 17% contro il 12% regionale, seguita a breve distanza da Brescia (15%). Il 4% dei lombardi dichiara di aiutare, con le entrate mensili, i famigliari anziani.

Una famiglia lombarda su dieci (12%) dichiara che, attualmente, con il proprio reddito contribuisce anche al mantenimento di un giovane lavoratore, ancora sotto il tetto casalingo, che vorrebbe tuttavia essere indipendente. Del resto se il 78% delle famiglie lombarde deve preoccuparsi solo del mantenimento della famiglia “stretta”, c’è un 8% dei lombardi che dichiara di aiutare, con le entrate mensili, famigliari anziani o che hanno già una propria famiglia ma con necessità di un sostegno economico, e un 2% che dà una mano a chi si accontenta di uno stipendio sotto la media.

E se nel Belpaese è difficile trovare la propria realizzazione personale, tra professioni, stabilità economica, o stili di vita, l’estero rappresenta ancora l’occasione per la svolta per una piccola percentuale di lombardi: solo il 5% delle famiglie dichiara di avere un proprio componente impegnato all’estero in esperienze di studio o lavoro. È quanto emerge dalla indagine “Famiglie e consumi. Monza e Brianza e Lombardia”, realizzata dalla Camera di Commercio di Monza e Brianza, in collaborazione con DigiCamere.

Sono soprattutto le famiglie di Monza e Brianza a provvedere solo al mantenimento della famiglia “stretta” e non di altri componenti. A Bergamo invece c’è la quota delle famiglie con giovani a carico più alta rispetto alla media lombarda: 17% contro il 12% regionale (praticamente 2 su 1o, ndr) seguita a breve distanza da Brescia (15%). A Varese la percentuale più alta degli aiuti verso anziani con reddito insufficiente (6%), mentre a Monza e Brianza il 5% delle famiglie contribuisce anche al mantenimento di familiari che hanno già una famiglia, ma non riescono ad essere autosufficienti. A Bergamo e Milano la quota più alta di famiglie con una persona all’estero, non per motivi di svago, ma per impegni professionali o per percorsi formativi.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.