BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Disoccupati, da 2 mesi Elisa e Nicola vivono in stazione: “Qualcuno ci aiuti” video

Elisa e Nicola, 39 e 48 anni, siciliani, conviventi da 17, dopo aver girato mezza Italia sono arrivati a Bergamo. Da una panchina vicina alla stazione lanciano un appello: "Dateci un lavoro".

Da quasi due mesi si sono trasferiti a Bergamo in cerca di una speranza chiamata lavoro. Elisa e Nicola, 39 e 48 anni, siciliani, conviventi da 17, dopo aver girato mezza Italia sono arrivati nella nostra città. Un lungo viaggio non voluto, ma dettato dalla necessità di trovare un’occupazione e riuscire così a vivere insieme.

Per il momento, però, la loro isola felice è una panchina di viale Papa Giovanni, dove si siedono ogni giorno. Insieme portano le valigie dentro alle quali hanno messo tutto ciò che è rimasto in loro possesso: alcuni vestiti e qualche oggetto personale. Su un trolley hanno appeso un cartello con una scritta piuttosto eloquente: “Siamo una coppia italiana che ha perso il lavoro e la casa, saremo grati a chi possa offrirci un lavoro e un alloggio”.

Non vogliono spiccioli, cercano un’occupazione con la quale poter affittare una casa, continuare a coltivare il loro sogno d’amore ma soprattutto vivere dignitosamente e porre fine all’incubo che stanno vivendo:

Per chi potesse offrire un lavoro ai due, ecco i loro recapiti:

Nicola: 393-1773890
Elisa: 327-7408986

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da daniela_cusimano

    Quindi cogliona io che passo ore e ore a setacciare la rete in cerca di offerte di lavoro… devo mettermi su una panchina con un patetico cartello è cercare di fare pena ad un giornalista che pubblicherà la mia storia? Ma dai, Cazzo … un insulto a tutta la gente come me che il lavora lo ha perso da tempo e si barcamena come può…