BergamoNews.it - Quotidiano online di Bergamo e Provincia

In 400mila per Woodstock: 47 anni fa il più grande festival musicale della storia

Più informazioni su

Sono passati esattamente 47 anni, ma anche chi non era ancora nato, quando sente nominare Woodstock, pensa immediatamente al grandioso festival musicale a cui hanno partecipato, nel 1969, tutti i più grandi nomi della storia del rock, come Santana, Jimi Hendrix e gli Who.

Il successo fu però del tutto inaspettato. Gli organizzatori avevano previsto infatti circa 50 mila spettatori, nonostante i biglietti acquistati in prevendita fossero 186 mila, e affittarono di conseguenza un terreno di 2,4kmq da un allevatore della zona di Bethel, a circa 70km da Woodstock, Max Yasgur. Questa location si riempì però in breve di 400 mila spettatori, mandando in tilt il sistema di vendita dei biglietti e trasformando il concerto in un evento gratuito, fatto che non impedirà comunque agli organizzatori di rientrare abbondantemente nei costi.

Nonostante i rischi derivanti da un affluenza di 8 volte superiore alle previsioni, come violenza o saccheggi, l’inadeguatezza dei sistemi sanitari e la scarsità di cibo, molti furono sorpresi dalla comunità pressoché pacifica che si creò, e nonostante il diffuso consumo di alcol e droghe tra gli spettatori e il traffico che bloccò le strade di tutto lo stato di New York, il proprietario del terreno su cui si è svolto il concerto commenterà: “Se ci ispirassimo a loro, potremmo superare quelle avversità che sono i problemi attuali dell’America, nella speranza di un futuro più luminoso e pacifico…”.

Spinte dal successo della prima, altre edizioni sono state organizzate per celebrare vari anniversari dell’evento, unendo ogni volta nuovi musicisti ad altri che già si erano esibiti su quel palco, dando una panoramica dei cambiamenti, musicali e non, degli Stati Uniti. Visto il flop dell’ultima di questa serie, datata 2009, uno degli organizzatori del leggendario concerto pensa ad una grande riedizione per il 50esimo anniversario, con tutte le leggende ancora in vita tra quelle che parteciparono all’originale e i grandi del rock moderno.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.