BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Thailandia, bombe nelle località turistiche: 4 morti, 2 italiani feriti

Più informazioni su

Sangue e terrore in Thailandia. Ci sono anche due italiani tra i feriti, almeno 22, nella doppia esplosione avvenuta a Hua Hin, in un resort turistico della popolare località turistica a sud di Bangkok, in Thailandia.

Si è trattato di un attentato in serie: in tutto, dichiarano le autorità thailandesi, sono esplose undici bombe in cinque province, il bilancio parla di 4 morti in tutto. Nella prima doppia esplosione è rimasta uccisa una commerciante thailandese: altri quattro commercianti locali sono rimasti feriti in modo grave. Per la polizia non si tratta di terrorismo ma di “sabotaggio locale”. Lo ha dichiarato in un discorso in tv il vice capo della polizia Kritsana Phatthanacharoen, esortando i turisti a fare attenzione e a riportare qualsiasi episodio sospetto.

I due italiani coinvolti sono un ragazzo di 21 anni, Lorenzo Minuti, e un uomo di 51 anni, Andrea Tazzioli. Il primo è stato curato in pronto soccorso per ferite minori e dimesso già in serata, mentre il secondo, colpito alla schiena da una scheggia, è stato operato d’urgenza e sta ora riposando nella sua camera d’ospedale; le sue condizioni non desterebbero comunque preoccupazione. Il loro ferimento è stato confermato dalla Farnesina.

In tutto si parla di 22 persone ricoverate, tra cui almeno cinque turisti stranieri. Il primo ministro thailandese Prayuth Chan-ocha ha decretato lo stato d’allerta in tutto il Paese. Le prime due esplosioni nel resort sarebbero avvenute tra Fa Pha Intersection e Soi Bintabaht che sono sede di numerosi bar e ristoranti frequentati da turisti stranieri. Bbc online spiega che il resort Hua Hin, vicino al luogo dove è avvenuta l’esplosione, è molto popolare, soprattutto tra i turisti britannici.

In un tweet il corrispondente della Bbc, Jonathan Head, citando fonti di polizia, dice che “le bombe sono esplose a una distanza di 50 metri l’una dall’altra” ma non simultaneamente. La seconda è esplosa 30 minuti dopo la prima.

Gli ordigni erano nascosti in vasi di piante e sono state attivate da telefoni cellulari e sono esplosi in una strada dove si trovano diversi bar e ristoranti e frequentata da turisti.

Sul sito www.viaggairesicuri.it curato dall’Unità di Crisi della farnesina “si raccomanda ai connazionali di evitare la zona (di Hua Hin ndr), di tenersi informati sugli sviluppi della situazione sui media e di seguire scrupolosamente le indicazioni delle autorità locali”. In caso di emergenza contattare l’Ambasciata d’Italia a Bangkok al numero 0066 81 825 61 03.stranieri.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.