BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

La prima Stella Michelin al mondo ad un ristorante di street food fotogallery

Chan Hon Meng è lo chef-proprietario della "Hong Kong Soya Sauce Chicken Rice and Noodle", il primo ristorante di street food nel mondo a ricevere una Stella Michelin.

Chan Hon Meng è lo chef-proprietario della “Hong Kong Soya Sauce Chicken Rice and Noodle”, il primo ristorante di street food nel mondo a ricevere una Stella Michelin.

Il prestigioso premio è stato dato pochi giorni fa a questo modesto ristorante che vende il riso al pollo che costa circa due dollari: si tratta del piatto Michelin più economico del mondo. Chan, che è cresciuto in una fattoria a Ipoh in Malesia, ha sviluppato il suo amore per il cibo naturale fin da ragazzino.

“Ho smesso di andare a scuola, all’età di 15 anni – ha raccontato Chan -. Dopo aver lasciato la scuola, ho iniziato a lavorare. La mia prima scelta è stata quella di diventare un cuoco”. Chan è arrivato a Singapore nel 1980 e ha imparato a cucinare il pollo e salsa di soia da uno chef di Hong Kong. Dopo anni di esperienza lui aveva deciso di espandersi e avviare un’attività propria.

E visto che il suo maestro era di di Hong Kong, Chan ha deciso di chiamare il proprio ristorante in onore della città cinese. Nel 2009 nella Chinatown in Singapore, Chan ha aperto la sua prima bancarella. Dopo otto anni il mondo lo riconosciuto come un chef che prepara piatti deliziosi a prezzi molto convenienti.

Alla mattina in prime luci dell’alba, Chan Hon Meng prepara il pollo per cinque ore, bolle il riso e cuoce la carne di maiale. Poco prima dell’apertura del negozio alle 10 tutto è pronto per iniziare. Lavorando per almeno 100 ore a settimana, Chan vende circa 150 polli al giorno e non si ferma fino all’ultimo cliente.

“Quando ho ricevuto l’invito per la cerimonia, mi è venuto un dubbio – racconta Chan – pensavo si trattasse di un brutto scherzo. Perché Michelin sarebbe venuto alla mia bancarella? Non ho mai sentito che un ispettore Michelin avesse visitato un banco di mercato. Ed invece eccomi qui”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.