BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Verdello, si ferma a fare pipì: maxi multa da oltre tremila euro

Più informazioni su

Quel bisognino impellente è costato carissimo a un 58enne di Palazzolo sull’Oglio (Brescia) che venerdì sera ha deciso di liberare la vescica nel parcheggio del negozio Scaini Casa, che si trova sulla strada provinciale Francesca, nel territorio di Verdello.

I suoi gesti sono stati però notati da una pattuglia della polizia locale, che in precedenza avevano notato l’auto posteggiata nel piazzale antistante l’esercizio commerciale e la figura di una persona nelle vicinanze. Gli agenti, insospettiti, hanno deciso di dare un’occhiata, pensando di trovarsi di fronte un ladro, e hanno invece pizzicato in flagranza il 58enne nell’atto di fare pipì.

Inevitabile il verbale e la multa salata di 3.333 euro, che l’uomo ha accolto con stupore. Eppure è la legge. Fino a poco tempo fa era un reato penale fare i propri bisogni in strada, poi a febbraio è arrivato il decreto legislativo che ha depenalizzato tutta una serie di reati, tra cui quello di fare pipì sulla pubblica via. Che ora prevede una multa salatissima, come ha constatato a sue spese il cittadino di Palazzolo sull’Oglio.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da il polemico

    contravvenzione che se viene sanzionata ad uno straniero che non è perfettamente integrato,di sicuro non pagherà.e poi che cifra assurda,come se chi ha varato questa legge,in caso di bisogno non si è mai fermato in un luogo pubblico.praticamente lo hanno fatto e lo fanno tutti,ma pare che chi ha deciso questa legge si senta superiore agli altri…..ridicoli come sempre