BergamoNews.it - Quotidiano online di Bergamo e Provincia

Tornava con la famiglia dalle vacanze: 56enne di Dalmine muore travolto da un tir

Biagio Amarena ha perso la vita nella notte tra venerdì 5 e sabato 6 agosto lungo l'autostrada A14: dopo un guasto è sceso dalla propria auto ed è stato investito da diversi mezzi

Tornava a Dalmine con la famiglia dalle vacanze a Melfi, è morto in autostrada a Bologna travolto da un camion e da diverse auto. La tragedia nella notte tra venerdì 5 e sabato 6 agosto lungo l’autostrada A14 è costata la vita a Biagio Amarena, 56enne di Dalmine.

Intorno alle 3 l’auto su cui viaggiava con i familiari  ha perso la ruota anteriore, lato destro, per poi cappottarsi e finire in mezzo alla carreggiata nord della A14, all’altezza di Castel San Pietro (Bologna). L’uomo, uscito dalla vettura, è stato investito da un camion mentre a piedi cercava di raggiungere la corsia di emergenza.

Disteso sull’asfalto è stato travolto più e più volte da altri veicoli.

Solo un mezzo si è fermato. Straziante la scena. Biagio Amarena, 56 anni originario di Melfi, in provincia di Potenza, era residente a Dalmine. Amarena si trovava al volante di una Mercedes Classe A160. A bordo della vettura, due figlie, tra cui una bambina di 7 anni, un’amica e il fratello sessantenne dell’uomo. Feriti non gravemente, i 4 sono stati trasportati al Maggiore di Bologna, mentre il cadavere di Amarena si trova all’ospedale di Imola.

La famiglia era andata in vacanza a Melfi e rientrava a casa.

Avevano scelto di viaggiare di notte. All’altezza del km 40 il veicolo ha perso una ruota anteriore. L’auto si è ribaltata su se stessa, arrestando la corsa con ruote all’aria tra la seconda e la terza corsia. Sia il conducente che i trasportati sono riusciti a uscire dall’abitacolo.

I passeggeri hanno raggiunto il ciglio della strada, mentre Amarena ha impiegato qualche istante di più. Così, mentre cercava di avvicinarsi ai familiari, è stato travolto da un mezzo pesante.

Accasciatosi sull’asfalto, è stato colpito più volte da altre automobili. Solo una di queste si è fermata, una Fiat Stilo sequestrata dalle forze dell’ordine. L’unico ad essersi accorto dell’investimento è stato il conducente del camion.

In queste ore, la polizia stradale di Forlì sta acquisendo i filmati delle telecamere di sorveglianza della società Autostrade e invita eventuali testimoni a rivolgersi alle autorità competenti. Biagio Amarena era nato a Melfi ma viveva da tempo a Dalmine.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.