BergamoNews.it - Quotidiano online di Bergamo e Provincia

Due milioni dal Ministero per il Donizetti, Ghisalberti: “Premiato il progetto culturale”

Il Ministero dei Beni culturali stanzia due milioni di euro per il restauro del Teatro Donizetti.

Il Ministero dei Beni culturali stanzia due milioni di euro per il restauro del Teatro Donizetti. La quota fa parte del pacchetto “Cantieri della cultura” da 120 milioni, stanziati dal governo per 75 interventi sul patrimonio culturale in tutta Italia. Le trattative tra il Comune e il ministero dei Beni culturali erano iniziate alcuni mesi fa.

Soddisfazione a Palazzo Frizzoni.
“È una notizia molto positiva per tutti noi – afferma Nadia Ghisalberti, assessore alla Cultura del Comune di Bergamo – non è denaro elargito per la sola ristrutturazione dello stabile, ma premia un intero progetto culturale che il teatro rappresenta per la città e tutto il territorio bergamasco. Sono molto felice per questa decisione che riconosce le scelte culturali del teatro coronate da un successo di pubblico e di critica”.

L'assessore alla Cultura Nadia Ghisalberti

Palazzo Frizzoni aveva chiesto al ministero un contributo che andasse da uno a tre milioni di euro. I fondi serviranno per il restauro del teatro, per il quale è previsto un piano di recupero da 18 milioni di euro, coperti in parte anche dai privati.

“Il fondo del Ministero non lascia sola l’Amministrazione Comunale, come era avvenuto per la ristrutturazione dell’Accademia Carrara – aggiunge Ghisalberti – dove sono stati spesi circa 11 milioni di euro e poi completato grazie al contributo del Credito Bergamasco per gli allestimenti. Con questa scelta il Ministero ci premia e sottolinea il nostro legame con un progetto culturale anche a livello nazionale”.

Ora non resta che attendere. Regione Lombardia dovrà riconoscere la nuova Fondazione Donizetti a maggioranza pubblica, riconoscimento che dovrebbe giungere a fine settembre. Seguirà la costituzione del nuovo Consiglio di amministrazione con la nomina dei componenti (quattro a fine settembre e tre nominati dai provati). Solamente allora avverrà l’avviso pubblico per il bando europeo, necessario per la consistente somma che impegna il restauro del teatro. Quindi l’apertura del bando e poi l’assegnazione dei lavori. I tempi? Per la fine dell’estate 2017 potrebbe partire il cantiere del Donizetti. Ma il condizionale è d’obbligo.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.