BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Carnevali, Pd: “Per le persone non autosufficienti, alla Lombardia 60,8 milioni”

Fondo per la non autosufficienza: 60,8 milioni alla Regione Lombardia. Carnevali (PD): " La Lombardia con quota maggiore pari a 60,8 milioni di euro. Mantenere ed incrementare le risorse favorisce la continuità delle cure e della prestazioni".

Anche il 2016 , come stabilito nella legge di stabilità , sono state garantite le risorse per prestazioni, interventi e servizi assistenziali nell’ambito dell’offerta integrata di servizi socio-sanitari in favore di persone non autosufficienti. Alle Regioni vanno, in totale, 390 milioni di euro, mentre altri 10 milioni saranno di competenza del Ministero del Lavoro.
La Lombardia, con 60,8 milioni, è la Regione con le quote maggiori, seguita dal Lazio (35,2 milioni).

I 400 milioni del Fondo nazionale per le non autosufficienze 2016 saranno destinati alla realizzazione di prestazioni, interventi e servizi assistenziali nell’ambito dell’offerta integrata dei servizi socio-sanitari. Tre le priorità definite nella Conferenza Unificata : incremento dell’assistenza domiciliare; supporto a persone e famiglie anche con trasferimenti monetari per l’acquisto di servizi di cura; ricoveri di sollievo in strutture socio sanitarie.

“La questione del Fondo è fortemente sentita dalle persone non autosufficienti e disabili, dalle famiglie, su cui oggi maggiormente gravano i costi assistenziali ed economici e dagli Enti Locali – commenta Elena Carnevali -. Proprio per questo il Governo e Parlamento ha lavorato per raggiungere due obiettivi. Il primo è rendere il Fondo strutturale, ed infatti i 400 milioni dell’anno scorso sono stati riconfermati per quest’anno, così come il Fondo nazionale delle politiche sociali finanziato con 300 milioni di euro. A queste sono risorse vanno aggiunti interventi dedicati alla povertà, (1 miliardo di euro) alla disabilità (90 milioni per il cd. Dopo di Noi, e 70 milioni di euro per gli alunni con disabilità) ed altri ancora. Il secondo: favorire la continuità di cura e degli interventi programmati dai servizi territoriali e socio-sanitari e perché questo si realizzi le risorse sono una precondizione necessaria”.

“Non può sfuggire – commenta Elena Carnevali- che dopo anni di risorse scarse o irrilevanti , le politiche sociali hanno riguadagnato l’attenzione del governo e del Parlamento nella consapevolezza che le politiche per la non autosufficienza sono ancora una criticità nel nostro Paese caratterizzato da un alto tasso di invecchiamento e forte denatalità. Investire nelle politiche famigliari dovrebbe essere, a mio giudizio l’impegno prioritario delle istituzioni”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.