BergamoNews.it - Quotidiano online di Bergamo e Provincia

Lovere, beve popper invece di inalarlo: 50enne muore in ospedale

L'uomo si trovava sul lungolago in compagnia di due amici. Il popper è una sostanza stupefacente in forma liquida, con proprietà tossiche, assumibile per inalazione

Più informazioni su

Tragedia a Lovere nella serata di mercoledì 27 luglio. Un uomo di 50 anni ha perso la vita, dopo lunghe ore di agonia in ospedale: avrebbe in parte ingerito (e non inalato) il contenuto di una boccetta di popper.

Il popper è una sostanza stupefacente in forma liquida, con proprietà tossiche, assumibile per inalazione e appartenente alla classe dei nitriti alchilici.

L’ingestione può portare alla necrosi del tubo digerente o alla morte per avvelenamento. L’uomo si trovava sul lungolago di Lovere in compagnia di due amici, un 30enne bresciano e un 40enne bergamasco.

La dinamica è ancora da accertare, ma sembra appunto che il 50enne abbia ingerito il popper anziché inalarlo.

Gli amici lo hanno subito accompagnato in ospedale, ma in poche ore le sue condizioni sono peggiorate a tal punto da portarlo alla morte. I due amici sono stati iscritti nel registro degli indagati. Sono accusati di “morte in conseguenza di altro reato”.

La magistratura intanto ha disposto l’autopsia sul corpo del 50enne che abitava in Valcamonica, e che di mestiere faceva l’operaio.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.