BergamoNews.it - Quotidiano online di Bergamo e Provincia

Unioni civili, già 4 prenotazioni a Bergamo, il Comune organizza la cerimonia

Sono già 4 le coppie omosessuali che si sono prenotate per le unioni civili nel Comune di Bergamo: operativamente non si procederà però prima del 14 agosto.

Unioni civili al Comune di Bergamo, si parte: lunedì 25 luglio Palazzo Frizzoni ha aperto le prenotazioni e nella stessa giornata quattro coppie omosessuali hanno manifestato il proprio interesse, tra cui una che ha già celebrato un matrimonio all’estero e che ora chiede il riconoscimento anche in Italia.

Il Comune aveva immediatamente recepito il parere favorevole del Consiglio di Stato al decreto sui registri per le unioni civili: decreto che permetterà la celebrazione delle prime unioni civili in attesa dei decreti attuativi.

L’assessore ai Servizi demografici Giacomo Angeloni e quello alle Politiche sociali Maria Carolina Marchesi a giorni convocheranno il tavolo contro l’omofobia per stabilire modalità e spazi delle cerimonie: vi parteciperanno, oltre ai due assessori, arcilesbica e arcigay, i capigruppo di maggioranza e minoranza.

Da qui uscirà anche una decisione curiosa, quella sul tradizionale regalo che l’amministrazione fa alle coppie di neosposi: oggi un libro sull’Accademia Carrara ma la volontà è quella di trovare qualcosa di diverso.

Al momento ad essersi prenotate per le unioni civili sono tre coppie di donne e una di uomini mentre un’altra ha manifestato interesse e a breve potrebbe mettersi in coda.

Operativamente non si procederà ad alcuna cerimonia prima del 14 agosto: le unioni civili con ogni probabilità verranno svolte nelle stesse sale messe oggi a disposizione dal Comune per i matrimoni e celebrate dal sindaco o dagli ufficiali di stato civile delegati.

Con il decreto va così a morire il registro delle unioni civili istituito dal Comune di Bergamo perché superfluo: nei prossimi giorni l’assessore Angeloni invierà agli iscritti al vecchio registro una lettera per comunicare la possibilità alle coppie omosessuali dell’unione civile e per informare quelle eterosessuali di quella del registro conviventi.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.