BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Cascina Ponchia, Rifondazione Comunista: “Solidale con gli occupanti”

Il Partito Rifondazione Comunista esprime piena solidarietà alle compagne e ai compagni coinvolti e agli occupanti della Cascina Ponchia, dopo che l'Amministrazione Comunale si è costituita parte civile nel processo sull'occupazione di Cascina Ponchia.

Il Partito Rifondazione Comunista esprime piena solidarietà alle compagne e ai compagni coinvolti e agli occupanti della Cascina Ponchia, dopo che l’Amministrazione Comunale si è costituita parte civile nel processo sull’occupazione di Cascina Ponchia.

“Apprendiamo in questi giorni che l’amministrazione Gori si è costituita parte civile nel processo per invasione e imbrattamento di edificio relativo all’occupazione della Cascina Ponchia, chiedendo il risarcimento di 150.000 euro ai tre compagni identificati; risarcimento, che a dir loro, gli è dovuto per la mancata possibilità di incassare un ipotetico affitto della struttura – si legge in una nota diramata dal partito -. Ricordiamo che la struttura era vuota da anni e che le ragazze e i ragazzi che due anni e mezzo fa hanno deciso di entrare l’hanno riconsegnata al quartiere e alla sua popolazione, senza nessun secondo fine, tantomeno economico”.

“Questo gesto sottolinea ancora una volta come questa amministrazione sia lontana dai bisogni delle cittadine e dei cittadini e quanto invece sia affascinata da politiche repressive e autoritarie. La scelta di chiedere l’ammontare dei danni ai tre compagni identificati, che per altro si dichiarano estranei ai fatti, è la sintesi della totale noncuranza dei rapporti con le istituzioni informali da parte di questa amministrazione – continua la nota -. L’accanirsi economicamente su una generazione precaria, rea semplicemente di voler cambiare il mondo in cui viviamo, delinea i tratti grotteschi delle politiche antidemocratiche del sindaco e della sua giunta. Esprimiamo tutta la nostra solidarietà alle compagne e ai compagni coinvolti e agli occupanti della cascina, un luogo rinato dopo l’abbandono decennale da parte dell’amministrazione”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.