BergamoNews.it - Quotidiano online di Bergamo e Provincia

Questione moschea, dal tavolo in Prefettura piccoli passi in avanti

Oltre due ore di confronto, ma la situazione resta ferma al punto di partenza. La questione moschea a Bergamo non trova soluzione. O meglio. E’ quello che emerge dalle poche parole espresse dopo l’ennesimo tavolo sulla sicurezza che si è svolto lunedì 25 luglio in Prefettura.

saleh

In verità qualcosa bolle in pentola, è in divenire. Non si spiegano tre ore di colloqui serrati tra le massime cariche cittadine in poche battute alla fine dell’incontro. E deve essere qualcosa di positivo e che si sta costruendo, ma – forse – proprio per la delicatezza della questione si preferisce andare cauti con la stampa.

Certo non mancano problemi, precedenti e impedimenti.

In primo luogo per le leggi regionali che impongono misure restrittive, c’è poi la grande spaccatura tra i gruppi musulmani di Bergamo e, infine, il mancato rispetto dell’ordinanza comunale che vieta di pregare in strada e delle norme da parte di alcuni musulmani.

“Abbiamo smussato alcune questioni, stiamo lavorando e continueremo a farlo per garantire a tutti i cittadini di poter seguire le loro fedi, come prevede la nostra Costituzione, nel rispetto delle Leggi” afferma il sindaco Giorgio Gori.

Per Mohamed Saleh, presidente della Centro islamico di Bergamo, “non si può pensare ad una soluzione condivisa finché alcune persone non riconoscono le più elementari Leggi di convivenza e il rispetto dell’altro. Vorrei rassicurare tutti i bergamaschi, non chiediamo nulla di più di ciò che prevede la Costituzione Italiana, e non intendiamo imporci a nessuno. Purtroppo le divisioni all’interno dei musulmani di Bergamo causata da alcune persone sta danneggiando moltissimo il dialogo e la convivenza che avevamo creato finora”.

La palestra di via Monte Cornagera resterà disponibile alla preghiera fino a mercoledì. Poi il Comune di Bergamo individuerà un altro spazio – sempre temporaneo – per i musulmani.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.