BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Lega Nord, bilancio 2015: rosso da 3 milioni di euro

Dipendenti del partito dimezzati, da 71 a 34. Costi di gestioni scesi da 16 a 11 milioni e spese per la propaganda, pure quelle, ridotte da 900mila a 400mila euro. Nonostante ciò, la Lega Nord chiude il bilancio del 2015 in rosso, con una perdita di 2,7 milioni di euro.

Dipendenti del partito dimezzati, da 71 a 34. Costi di gestioni scesi da 16 a 11 milioni e spese per la propaganda, pure quelle, ridotte da 900mila a 400mila euro. Nonostante ciò, la Lega Nord chiude il bilancio del 2015 in rosso, con una perdita di 2,7 milioni di euro. La spending rewiev imposta dal leader del Carroccio Matteo Salvini è servita, ma a metà. Forse qualcosina in più. Il bilancio del 2014, infatti, faceva registrare un passivo di 8,4 milioni di euro.

“Sebbene la Lega abbia già attuato un forte contenimento dei costi, questi ultimi sono ancora superiori ai proventi”, è scritto nel bilancio approvato pochi giorni fa. Il motivo? dal 2010 al 2013 la media dei contributi di finanziamento pubblico ammontava a circa 14 milioni di euro annui, nel bilancio del 2015 erano scesi a 1,2; in questo 2016 saranno di 600mila euro e nel 2017 zero. E così le “attività finanziarie diverse da immobilizzazioni” sono passate da 3,2 milioni di euro a 1,44 euro. Le disponibilità liquide sono scese da 5,1 milioni a 1,5 milioni.

A 1,8 milioni di euro ammontano i contributi da parte di parlamentari e consiglieri regionali nelle casse del partito. Il presidente del Veneto Luca Zaia ha versato 15mila euro; Salvini 36mila, come il vicesegretario Giancarlo Giorgetti. Nell’elenco manca il nome di Roberto Maroni, ex segretario e presidente della Lombardia. E poi c’è il 2 per mille: 138.941 dichiarazioni dei redditi hanno optato per il Carroccio.

Dalla sua, la Lega vanta un patrimonio netto ancora consistente, pari a 6,7 milioni di euro. Ma senza finanziamento pubblico, il futuro del partito è legato in gran parte ai contributi dei militanti, dei singoli eletti e di qualche generoso privato.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.