BergamoNews.it - Quotidiano online di Bergamo e Provincia

Le Unioni Civili entrano nel vivo: a Dalmine un convegno per formare i dipendenti pubblici

Fortemente voluto dall’Amministrazione Comunale, si è svolto a Dalmine il convegno sugli effetti della nuova legge sulle Unioni Civili varata dal Governo nel maggio scorso.

L’appuntamento tenuto da una esperta dell’ANUSCA (Associazione Nazionale Ufficiali di Stato Civile e Anagrafe) si è aperto con il saluto del Magnifico Rettore dell’Università di Bergamo Remo Morzenti Pellegrini, già docente universitario ed esperto di Diritto Amministrativo, seguito da un breve intervento del sindaco di Dalmine, Lorella Alessio, che ha sottolineato l’importanza della formazione professionale dei dipendenti pubblici addetti allo stato civile e dei servizi demografici chiamati, dopo la legge sul divorzio breve, a dare risposte chiare e precise anche in tema di Unioni Civili.

Il Convegno arriva solo pochi giorni dopo che il Ministro degli Interni Angelino Alfano ha firmato (in ritardo rispetto alla scadenza del 5 luglio) il decreto ponte che consentirà di celebrare e rendere operative le Unioni Civili.

Il provvedimento predisposto dalla Presidenza del Consiglio, che contiene le regole che permettono agli ufficiali civili di applicare la legge Cirinnà, è stato trasmesso al Consiglio di Stato che avrà il compito di esaminarlo.

Se non vi saranno intoppi giuridici, a partire dalla metà di agosto arriveranno le prime trascrizioni e, dunque, gli ufficiali di Stato Civile dei Comuni si troveranno ad applicare la nuova legge che consente Unioni Civili tra persone dello stesso sesso.

La bozza del decreto oggetto all’approfondimento dei convegnisti sostanzialmente disciplina:

  • la costituzione dell’unione civile (richiesta e controlli);
  • la scelta del cognome comune;
  • il cambio di sesso;
  • lo scioglimento;
  • le modalità di trascrizione dei matrimoni contratti all’estero;
  • la trascrizione e la tenuta dell’apposito registro.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.