BergamoNews.it - Quotidiano online di Bergamo e Provincia

“Noi condomini, insieme, abbiamo risanato conti e palazzo: ora possiamo festeggiare” fotogallery

L'unione fa la forza. Lo racconta Loredana Belloni che, con i condomini della residenza Ai Prati di Bergamo, Ha dato nuova linfa al luogo in cui vive dopo un periodo di grande difficoltà: ecco come.

L’unione fa la forza. Lo sanno bene i condomini della residenza Ai Prati di Via Giuseppe Ungaretti 30 a Bergamo, che insieme hanno dato nuova linfa al luogo in cui vivono dopo un periodo di grande difficoltà.

Un periodo segnato dall’improvvisa scomparsa del precedente amministratore e da un buco nei conti condominiali di circa 43mila euro. Un buco che, grazie a tanta buona volontà e ad un contagioso spirito di mutuo soccorso, sono riusciti a colmare.

“Dopo l’estremo gesto del nostro precedente Amministratore ci siamo ritrovati senza guida”, spiega la residente Loredana Belloni.

Project manager nella vita professionale, ha messo le sue competenze al servizio della causa organizzando una truppa di condomini laboriosi e determinati a raggiungere l’obiettivo: rimettere in sesto il loro spazio e quello degli altri.

“Per prima cosa abbiamo convocato un’assemblea ascoltando un po’ i pareri di tutti. Abbiamo così scoperto un mondo fatto di bisogni, domande inespresse e risposte non ricevute”.

Da buon comandante, Loredana prende subito in mano la situazione: “Ho letto il regolamento condominiale e scelto un nuovo amministratore. Lo volevo motivato, attento, puntiglioso e soprattutto presente nei sopralluoghi”. E, una volta scelto il profilo adatto all’identikit, i frutti del suo lavoro cominciano a germogliare: “Da Gennaio abbiamo ripreso la rotta, accorgendoci che la nostra barca aveva soltanto bisogno di piccole attenzioni”.

Il primo passo è stato creare il nuovo consiglio condominiale, composto dai referenti di scale: “Stesa la scaletta delle priorità, dovevamo organizzare un piano di rientro che coprisse i 43mila euro di buco in bilancio, rivedere i fornitori, trovarne di nuovi e analizzare preventivi. Ebbene, in soli cinque mesi abbiamo recuperato il credito e risparmiato 12mila euro annui sui fornitori, migliorando anche il servizio”.

Ma non finisce qui. A Giugno, durante una riunione, Loredana fa presente ai consiglieri che occorre un risanamento, mai effettuato in 20 anni, degli spazi comuni. Indice così la prima settimana annuale delle grandi pulizie: “Noi donne siamo abituate ai “mestieri di Pasqua” – continua Loredana -. Ribaltiamo casa, laviamo tutto e ci occupiamo della piccola manutenzione. La mia proposta era quella di portar fuori dalle mura domestiche ciò che già facevamo per avere uno spazio pulito e ordinato”.

Un attimo di resistenza, un po’ di ostruzionismo, ma, alla fine, due condomini si lasciano coinvolgere e cominciano ad aggiustare le porte d’ingresso. “Altri 2 passano l’antialghe sui muri del giardino, sui corselli e sugli ingressi. In quattro giorni, un affiatato team composto da cinque donne si esibisce a rotazione con l’idropulitrice, mentre due uomini provvedono alla sostituzione delle doghe delle panche del giardino”.

L’effetto è un domino di contagiosa solidarietà: “La gente è passata dal fare commenti alla finestra al scendere a sporcarsi le mani. Abbiamo ripreso a parlarci, a condividere. C’era chi portava qualcosa da bere, chi offriva caffè e biscottini”.

Quello che un tempo era un giardino sfiorito, è poi diventato uno spazio verde presentabile. Ma anche una preziosa metafora di vita: “Del resto,  ognuno ha smesso di guardare soltanto al proprio giardino, come si suol dire. L’obiettivo era quello di rimettere al centro il bene come, ripartire dalle risorse che sono i condomini e uscire dall’atteggiamento di delega totale ad altri, e ci siamo riusciti.

Loredana, infine, conclude con una promessa:”Ci impegneremo a migliorare la nostra iniziativa e, magari, ad esportare il nostro modus operandi. Con una consapevolezza da tramandare: solo noi possiamo cambiare le cose, se realmente lo vogliamo”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da nico

    Bravi!