BergamoNews.it - Quotidiano online di Bergamo e Provincia

Maria è tornata in Italia, lo strazio dei familiari: a Bergamo dopo l’autopsia foto

La salma atterrata a Roma insieme a quelle degli altri 8 italiani morti nell'attacco terroristico a Dacca: dopo l'autopsia nella Capitale il rientro in Bergamasca e i funerali, venerdì o sabato.

E’ rientrata in Italia la salma di Maria Riboli, la 33enne originaria di Vigano San Martino e residente a Solza rimasta uccisa nell’attentato jihadista di Dacca, in Bangladesh: alle 19 di martedì 5 luglio il volo di Stato è atterrato all’aeroporto romano di Ciampino con a bordo le 9 vittime italiane dell’attacco.

Ad attendere il feretro il marito Simone Coldara, il fratello Mauro e le sorelle Silvia e Graziella: non hanno intrapreso il viaggio nella Capitale i genitori di Maria, Francesco e Teresa, rimasti con la piccola nipotina Linda, di due anni e mezzo.

Un momento struggente quello del passaggio della bara avvolta nel tricolore, accompagnato dalle lacrime dei famigliari: un’ora più tardi il trasferimento al policlinico Gemelli di Roma per un altro momento durissimo, quello del riconoscimento.

Sempre al Gemelli verrà eseguita l’autopsia sul corpo di Maria Riboli che stabilirà le cause della morte: la giovane mamma bergamasca avrebbe perso la vita a causa dello scoppio di una granata lanciata dai terroristi al momento dell’irruzione proprio sotto al tavolo dove era seduta.

Poi la salma sarà riconsegnata alla famiglia per le esequie: il marito Simone, prima dei funerali che potrebbero svolgersi venerdì 8 o sabato 9 luglio, vorrebbe riportare per l’ultima volta Maria nella loro casa di Solza.

Le tre comunità di Vigano, Solza e Borgo di Terzo proclameranno lutto cittadino: la prima ha messo in campo la protezione civile, la seconda ha organizzato una veglia di preghiera per la sera dei funerali e ha annullato la tradizionale festa della birra che si sarebbe dovuta svolgere sabato, la terza attende la salma per l’ultimo saluto.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.