BergamoNews.it - Quotidiano online di Bergamo e Provincia

Parcheggio ex gasometro, ok dal Consiglio: si studia difficile collegamento con la stazione foto

Più informazioni su

Dopo il passaggio in Giunta, il parcheggio dell’ex gasometro supera anche l’esame del Consiglio Comunale di Bergamo che ha approvato il progetto quasi all’unanimità (con la sola astensione dei consiglieri Tremaglia e Gregorelli): al termine delle operazioni di bonifica, in carico a Inps, si potrà dare il via alla realizzazione dell’opera che dovrebbe richiedere circa 12 mesi, ai quali se ne aggiungeranno altri due per il collaudo definitivo.

“Un ringraziamento pubblico va alla direzione dell’Inps che si è occupata della questione – ha aperto la discussione il sindaco Giorgio Gori -. L’accordo ci consentirà di ampliare il parco della Malpensata, favorendo il decoro della zona. Di attualità anche il tema del mercato che necessariamente traslocherà: la scelta della ricollocazione verrà fatta d’accordo con l’associazione degli ambulanti e con i quartieri dove eventualmente potrebbe trovare posto. Ribadiamo che non c’è un’ipotesi privilegiata rispetto ad altre al momento: l’idea è quella di non andare ad occupare un’area oggi libera per dar spazio al mercato ma di trovare una soluzione che non renda la destinazione esclusiva visto che si svolge solamente una volta alla settimana”.

Il parcheggio dell’ex gasometro, la cui realizzazione costerà un milione e 700 mila euro, ospiterà 298 posti auto di cui 292 a uso pubblico e 6 per portatori di handicap. Centosettancinque saranno destinati alla sosta ad abbonamento, 117 a quella a rotazione pubblica: le tariffe saranno analoghe a quelle del parcheggio alla stazione autolinee, con 1,40 euro all’ora e 1,20 euro per le ore notturne e nei festivi. La tariffa massima giornaliera sarà di 10 euro: 50 euro mensili per gli abbonamenti, 40 per i pendolari e 75 per quelli full time. 

“Bisognerà superare il trauma del passaggio dal posteggio gratis a quello a pagamento” ha sottolineato Gianfranco Ceci (Forza Italia) che si è poi detto assolutamente favorevole ad un collegamento pedonale tra il parcheggio e la stazione ferroviaria, proposto dal capogruppo di Fratelli d’Italia-Alleanza Nazionale Andrea Tremaglia e da Fabio Gregorelli (Movimento 5 Stelle).

“L’unico accesso realistico è quello su via San Giovanni Bosco – ha evidenziato Tremaglia che poi si è astenuto dal voto – Il percorso che dovranno affrontare i pendolari non è dei migliori dal punto di vista pedonale: pensare a un collegamento per rendere più semplice l’accesso alla stazione renderebbe da un lato la vita facile ai pendolari e dall’altro favorirebbe anche la fruizione del parcheggio. Si potrebbero contattare enti e privati interessati per valutare di collegare in maniera più comoda e diretta il parcheggio con la stazione o al sottopasso di via Gavazzeni, rendendo più sicuro il passaggio pedonale sotto il viadotto ferroviario che collega via San Giovanni Bosco a via Bonomelli”.

Un suggerimento piaciuto anche a tutto il resto del Consiglio Comunale, pur con la consapevolezza della difficoltà della realizzazione: solo Ongaro si è astenuto, a fronte di 27 voti favorevoli.  

L’assessore alla Mobilità Stefano Zenoni, però, sottolinea alcune criticità: “Saremmo tutti molto soddisfatti se si potesse realizzare – evidenzia – Si tratta di attraversare aree non nella disponibilità del Comune e per arrivare all’edificio della stazione bisognerebbe attraversare dei binari attivi: o si arriva al sottopasso esistente o diventa difficile capire come attraversarli. Non sarà una strada facile ma sono favorevole alla discussione soprattutto sul miglioramento del percorso esistente”.

“L’area – ha ricordato l’assessore alla Riqualificazione urbana, edilizia pubblica e privata e patrimonio immobiliare Francesco Valesini – era contesa da più di 30 anni: Inps si assume i costi di bonifica, dai quali rientrerà nel corso dei 9 anni di concessione quando il Comune corrisponderà 70mila euro per ogni annualità. Una somma che potrà subire eventuali variazioni a seconda dei costi di bonifica”.

Dal capogruppo della Lega Nord Alberto Ribolla un appunto, nonostante il proprio voto favorevole: “Tra i pro c’è anche il contro dell’annullamento dei parcheggi liberi nella zona: è una perplessità che viene compensata dal fatto che i parcheggi saranno custoditi. L’operazione è positiva e assolutamente condivisa”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da magnone

    Un plauso al Consiglio Comunale che ha visto un’assennata discussione da parte dei consiglieri di opposizione. Un’operazione davvero storica per la città, per quanto temporanea, vede unito il mondo politico, al netto di alcuni distinguo di rango secondario.