BergamoNews.it - Quotidiano online di Bergamo e Provincia

Caloni Agnelli, è ufficiale: Vito Insalata è il nuovo ds

Lo scudetto del 2009 con Piacenza, ma anche due campionati di A2 consecutivi con Milano e Vibo Valentia nel 2007 e nel 2008 nonché una Coppa Italia nella stessa annata con i calabresi. Un palmares di tutto rispetto che però è soltanto un fiore all’occhiello per Vito Insalata che, in una sola stagione, è diventato il leader dell’Olimpia tanto da stabilire con Bergamo un legame tanto immediato e assoluto. Un feeling speciale che ha portato l’ormai ex capitano a sposare, anche fuori dal parquet, il progetto che riporterà i rossoblù in serie A dieci anni dopo l’ultima promozione: è infatti lui il nuovo direttore sportivo della Caloni Agnelli.

Come è maturata la scelta?
Dopo 25 anni è stato difficile però mi sono confrontato con diverse persone e ho capito che era giunto il momento di appendere le scarpe al fatidico chiodo. Avrei potuto proseguire perché come si dice “ne avevo ancora”, ma sapendo che la mole di lavoro sarebbe stata diversa non me la sono sentita di correre il rischio di venire eventualmente etichettato come “bollito” nel corso di una stagione che si prospetta lunga e nella categoria superiore.

E lo “stacco”?
La sofferenza è stata minore per merito della società che mi ha subito proposto un ruolo che mi è sempre piaciuto. A maggior ragione poi se si ha la fortuna di poterlo svolgere in un contesto come questo, con potenziale e voglia di crescere.

Che Olimpia sarà?
Gianluca Graziosi è stata una scelta ponderata poiché si era alla ricerca di un coach con esperienza in categoria e perciò attento al singolo dettaglio, abile a trasferire in palestra quella che è sempre stata anche la mia filosofia, basata sul lavoro che alla lunga paga sempre. Sarà dunque una compagine che dovrà pedalare, un mix tra elementi che conoscono la A2 e giovani ritenuti adatti al piano triennale che si è strutturato.

Come si è calato Vito Insalata nella nuova veste?
Con la solita mentalità che mi ha sempre spinto a prendermi le responsabilità, sono felice e cercherò di fare ancora il massimo. L’impegno non sta mancando a nessun livello, ce la stiamo mettendo tutta per regalare a Bergamo un’annata all’altezza di un campionato che ci siamo meritati.

Il tutto grazie ad uno sforzo da parte della presidenza…
Ed è stata loro anche la volontà di attribuirmi i gradi di direttore sportivo. Ringrazio Nicola Caloni ed in particolare Angelo Agnelli, che ha caldeggiato in prima persona questa possibilità sulla base del rapporto di stima reciproca. Penso d’avere dato tutto da capitano, adesso voglio continuare con la stessa ricetta sperando di ripagare, anche da dirigente, la grande fiducia che mi è stata data.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.