BergamoNews.it - Quotidiano online di Bergamo e Provincia

Atalanta e montagna le grandi passioni di “Spaka” e “Biofa”, morti domenica sul Disgrazia

I due giovani alpinisti bergamaschi hanno perso la vita in un tragico incidente montano: Atalanta e montagna erano le loro grandi passioni.

L’Atalanta e la montagna erano le loro più grandi passioni: spesso legate indissolubilmente tra loro perché il simbolo della “Dea” li accompagnava spesso anche nelle uscite verso le tante vette che hanno raggiunto.

L’ultima è stata quella del Monte Disgrazia, a Buglio in Monte in provincia di Sondrio, raggiunta in cordata passando per la via Normale: una volta lasciato il Rifugio Ponti in Valvassino insieme a due compagni stavano affrontando il percorso inverso quando improvvisamente uno dei due ha perso l’equilibrio, trascinando nel vuoto in una caduta di circa 300 metri a un’altitudine di 3.500 anche l’altro. 

Una caduta fatale per Roberto Rota, 37enne di Valtesse detto “Spaka”, e Fabio Noris, 35enne di Redona detto “Biofa”: il primo lascia la compagna e una bimba piccola, entrambi nel dolore i tantissimi amici di una vita.

Quando la notizia ha iniziato a circolare il cordoglio si è manifestato su Facebook: “Fabio, ti ho conosciuto sulle vette e mi sei subito piaciuto, eravamo in sintonia – ricorda un amico – Dio si prende sempre prima i migliori. … un abbraccio a tutti i famigliari”.

Tanti i messaggi lasciati sulla pagina di Fabio dagli amici, che lo ricordano per la sua passione e per il suo sorriso: emozionante il saluto della sorella che ha espresso il suo amore con una foto che li ritrae abbracciati e la scritta “Per sempre insieme”. 

“Sono forse 20 anni che non ci vediamo – scrive un altro amico a Fabio – ma ti ho ancora ben impresso nella mia memoria, sempre sorridente! La passione per la montagna ci accomuna, e sono sicuro che anche ora continui a scalare le vette e a provare quelle emozioni forti che la montagna sa dare. Ti abbraccio”.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.