BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Olimpia, al centro c’è Oreste Luppi: “A Bergamo per trasmettere voglia di vincere”

Mentalità e parole da leader, nel curriculum tanta A2 e – come il miglior detonatore – la voglia di tornare nella categoria cucita su misura per lui: Oreste Luppi è il nuovo centrale dellaCaloni Agnelli.

Reggiano di Guastalla, classe 1983, è reduce dal biennio in B1 a Carpi dopo le esperienze in A2 con Cavriago, Reggio Emilia e Matera, sbarca a Bergamo grazie ad una doppia “password” che risponde ai nomi di Vito Insalata e Gianluca Graziosi: “Il grande interesse mostrato immediatamente nei mie confronti – attacca – mi ha riempito d’orgoglio. Con Vito ho condiviso l’esperienza a Carpi poi quando ho saputo della scelta del coach, conoscendo i suoi metodi di lavoro, ho detto subito sì senza neppure sapere che tipo di roster sarebbe stato allestito. Ecco perché, tra le varie opportunità che mi si erano presentate, ho sposato con entusiasmo il progetto dell’Olimpia”.
Dopo due anni così Luppi riabbraccia una categoria che a Bergamo mancava invece da due lustri: “Sono carico e davvero felice – continua – di riapprodare ad un livello che penso mi appartenga. Avevo dovuto abbandonare la A2 per motivi di lavoro e mi dispiaceva doppiamente in quanto stavo vivendo il momento migliore. Stavolta però, visto che l’occasione si è presentata nuovamente, l’ho colta al volo. Questa è una società storica che avevo affrontato proprio nella finale play-off di B1 del 2005/2006 quando militavo a Cavriago, ma pensando al presente mi ha colpito soprattutto il seguito del pubblico, tanto numeroso da fare invidia a molte realtà di A”. 33 anni, la grinta di un ragazzino e la sagacia di chi è pronto ad assumersi i gradi del capitano di lungo corso: “Spero di poter dare tutto quello che ho – sottolinea Luppi – sia in fatto d’esperienza, sia in ambito tecnico ma soprattutto trasmettere la voglia di vincere. Con un roster giovane sarà fondamentale mantenere la giusta quadratura anche quando arriveranno i momenti complicati. In passato ho giocato con i vari Cavallini, Burgsthaler (già centrale dell’Olimpia nella stagione dell’ultima A2, 2006/2007) oppure, in tempi più recenti, a Reggio Emilia, con Barbareschi oppure Orduna neoacquisto di Modena: da tutti, specie in allenamento, si cerca sempre di apprendere anche il minimo dettaglio”.

Non è invece un dettaglio e anzi un autentico colpaccio, come si evince anche dalle parole del presidente Angelo Agnelli, l’acquisto di Luppi: “Uno dei più forti in circolazione nel suo ruolo – spiega – ed è devastante in attacco. E’ la figura di riferimento che stavamo cercando, ha grande carisma e conosce alla perfezione la categoria: la miscela perfetta per inserirsi nel nostro contesto”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.