BergamoNews.it - Quotidiano online di Bergamo e Provincia

L’assessore al Welfare Gallera in visita al Policlinico San Marco

Il Policlinico San Marco ha ricevuto giovedì 30 giugno la gradita visita di due rappresentanti di primo piano della Regione Lombardia, Giulio Gallera, neo assessore al Welfare, e Alessandro Sorte, assessore alle Infrastrutture e mobilità.

Il Policlinico San Marco ha ricevuto giovedì 30 giugno la visita di due rappresentanti di primo piano della Regione Lombardia, Giulio Gallera, neo assessore al Welfare, e Alessandro Sorte, assessore alle Infrastrutture e mobilità.

I due assessori regionali, accompagnati da Francesco Galli, amministratore delegato degli istituti Ospedalieri Bergamaschi (di cui il Policlinico San Marco fa parte), dal Presidente degli Istituti Ospedalieri Bergamaschi Avv. Nicola Grigoletto e dal direttore sanitario Prof. Giancarlo Borra, hanno prima incontrato una folta rappresentanza di medici e dipendenti, poi visitato in anteprima le nuove sale operatorie per alta specialità e ad alta tecnologia, che entreranno in funzione la prossima settimana, e la nuova e modernissima centrale di sterilizzazione.

Due fiori all’occhiello, parte del più ampio piano di ampliamento e ristrutturazione dell’intera struttura, grazie al quale il Policlinico diventerà sempre di più un punto di riferimento non solo per le esigenze di cura e di salute della popolazione locale (e non) ma anche per l’emergenza urgenza.

Efficienza, alta tecnologia, tempestività. Sono questi i principi che hanno ispirato i lavori del nuovo blocco operatorio, che si affianca alla nuova Unità di Terapia Intensiva, (8 moderni posti con tutte le più avanzate tecnologie di monitoraggio e cura) e al nuovo Pronto Soccorso (con due shock room allestite per gestire in modo tempestivo ed efficace anche le emergenze più complesse) inaugurati l’anno scorso.

Clinica San Marco

Nello stesso corpo di fabbrica, il nuovo quartiere operatorio è composto da 6 moderne sale operatorie, con caratteristiche tecniche, impiantistiche e tecnologiche di altissimo livello e la massima attenzione a tutti gli aspetti che riguardano la sterilità.

«Siamo onorati della visita di oggi e orgogliosi di aver potuto mostrare, in anteprima, i nostri fiori all’occhiello: il nuovo blocco operatorio, ad altissima tecnologia, e la nuova modernissima centrale di sterilizzazione» afferma il dottor Galli. «Con l’apertura delle nuove sale operatorie si conclude, con soddisfazione, la prima grande fase di lavori che ha visto un investimento da parte del Gruppo ospedaliero San Donato di più di 25 milioni di euro».

Clinica San Marco

«Ringrazio il neo assessore Gallera per aver dedicato il suo tempo non solo a una struttura sanitaria pubblica importante, ma anche a una struttura privata accreditata che sta completando una fase significativa dei lavori di ampliamento e ristrutturazione, dimostrando che anche il privato accreditato nutre grande attenzione nei confronti delle esigenze del territorio» gli fa eco il Prof. Borra.

«Il completamento della nuova area dei blocchi operatori rappresenta un ulteriore e importante passo avanti nell’ottica di offrire ai pazienti un servizio e cure sempre più efficienti, efficaci e soddisfacenti sotto tutti i punti di vista. In particolare, il nuovo corpo di fabbrica è stato pensato per la gestione delle emergenze ad alta specialità, avendo al piano terra il Pronto Soccorso e Terapia Intensiva, su una superficie di circa 1000 mq. e con accessi indipendenti ma adiacenti, e al piano superiore, collegata direttamente con una nuova moderna torre ascensori, l’area dei blocchi operatori. Il Gruppo ospedaliero San Donato ha peraltro già appaltato altri 10 milioni di euro per la ristrutturazione del servizio di dialisi, la creazione del nuovo centro di endoscopia digestiva e le nuove sale di cardiologia interventistica, per concludere con l’ultimo grande lotto di 20 milioni di euro per la ristrutturazione di tutte le degenze entro il 2020» conclude l’Avvocato Grigoletto.

Clinica San Marco

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.